State of Mind
State of Mind
17 Novembre Nov 2016 1603 17 novembre 2016

La sinistra ha un problema con i leader donna?

Hillary Clinton 680

C’è un problema a sinistra con i leader donna? Non c’è mica solo Hillary Clinton. C’è stata anche Ségolène Royal. Due scalate al potere in due grandi paesi occidentali, due fallimenti. Mentre a destra incontriamo almeno tre successi: Margaret Thatcher, Angela Merkel e Theresa May.

Giovanni M. Ruggiero e Sandra Sassaroli

Insomma, nella destra politica dei grandi paesi d’Occidente si sono fatte largo figure femminili che hanno fatto la storia in misura paragonabile agli uomini. Poche, ma ci sono. Thatcher sta di fianco a Pitt, Peel e Churchill e Merkel sta di fianco ad Adenauer e Kohl. Vedremo se entrerà nella storia anche la May, che però intanto governa. A sinistra, invece, Royal e Clinton non ci sono purtroppo riuscite.

Ad aggravare la situazione c’è che sia Royal che Clinton hanno fatto strada anche come donne del capo: Royal di fianco a Hollande, Hillary di fianco a Bill. La vedete una Thatcher che per farsi luce nel partito conservatore si mette con un maschio? No, queste leader di destra hanno scelto degli affettuosi ometti come consorti. Il coraggio di scegliersi un uomo riservato, devoto e senza carisma politico; forse anche questo dovrebbero imparare le donne di sinistra che vogliono comandare, invece di inseguire il mito del consorte paritario.

Vediamo se ci soccorrono le solite democrazie scandinave. Ci saranno donne di sinistra che sono diventate premier da quelle parti? Facciamo una rapida ricerca sul web e troviamo Mari Kiviniemi in Finlandia ed Erna Solberg in Norvegia. Un momento, però. Come? Sono di centro o di destra anche queste due? Allora è un vizio. Probabilmente, se ci si mette d’impegno lo troviamo un primo ministro di sinistra donna occidentale. Ci si potrebbe ricordare della laburista israeliana Golda Meir, oppure della premier argentina Cristina Fernández de Kirchner, peronista ma di sinistra. Va bene, ma non basta.

La domanda è un’altra: la sinistra di un grande paese in Europa o Nord America è capace di avere un leader donna? Quindi una eventuale premier donna scandinava, israeliana o argentina non bastano. Cerchiamo un analogo a sinistra di Thatcher o Merkel in uno dei grandi paesi europei o negli Stati Uniti. Invece, ci vengono in mente altre leader di paesi decisamente non occidentali: Indira Ghandi, Benazir Bhutto e Aung San Suu Kyi.
Insomma, i maschi occidentali di destra e maschi non occidentali di sinistra o quasi sanno seguire un capo politico donna. Il maschio occidentale di sinistra sembra non ancora...CONTINUA A LEGGERE SU STATE OF MIND

LEGGI ANCHE:

Il doppio legame delle donne: perché ci sono meno donne in posizione di leadership?

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook