Edoardo Varini
Due o tre cose che so del mondo
23 Dicembre Dic 2016 1535 23 dicembre 2016

Mps non la voleva nessuno: la comprano con i nostri soldi

Hitman

È iniziato alle 23.35 il Consiglio dei Ministri straordinario che ha approvato il decreto legge con misure a tutela dei risparmiatori previsto dal piano di intervento per salvare Montepaschi.

Dopodiché il vertice dell'Istituto senese ha avviato l'iter di nazionalizzazione con la richiesta di un sostegno finanziario straordinario per la ricapitalizzazione prevista dalla normativa europea sulla gestione delle crisi bancaria (Brrd).

Ovviamente è stato specificato che il decreto servirà per tutte le banche e non solo per MPS. Resta il fatto che è stato ritagliato su MPS e che vedrete se le basteranno i 5 miliardi previsti oppure si attingerà ai restanti 15 del fondo.

La cosa più ridicola l'ha detta il neopremier Gentiloni, che fa il Renzi felpato, che è ancora peggio, è paradossale: una smargiassata sottotono in politica non si era mai vista.

E dice che questo decreto assicura il futuro «dei risparmiatori e di Mps». E invece non assicura nessuna delle due cose, perché l'incapacità di gestione del managment senese è assoluta, così assoluta da essersi mangiata l'unico asset che gli era rimasto: il brand, il nome, la storia.

Soltanto lo scorso anno lo aveva ancora, oggi se dici Montepaschi non ti viene in mente il rinascimento dei mercanti ma una pletora di ometti spendaccioni che non hanno mai letto – non almeno con la dovuta attenzione – un libro di gestione aziendale o di finanza.

E tutto il sistema mediatico a mentire sulla solidità delle nostrane banche, e gli organi di controllo assenti e Banca d'Italia in bambola, come Roberto Duran contro Hitman nell'84.

Quindi ragazzi, nessun rischio per i correntisti Montepaschi per qualche mese. Probabilmente tra meno di un anno rischi e disgrazie per tutti.

Chiedetevi il perché di tutta questa indulgenza europea nel farci indebitare come porci.

A presto e Buon Natale.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook