Edoardo Beltrame
Guarda bene la bolletta
13 Gennaio Gen 2017 1245 13 gennaio 2017

No nuke francese? Ecco la Tate genovese!

Una centrale nucleare su tre in Francia é in manutenzione. In condizioni normali, importiamo dalla Francia quasi il 20% di quanto produciamo e adesso bisogna fare da soli perché il sole d’inverno é sotto le coperte, con i sostenitori dell’energia rinnovabile.

Il ministero dello Sviluppo economico ha così chiesto a Enel di rinviare la chiusura di alcune centrali nell’area del nord-ovest già destinate alla riconversione, a cominciare dallo storico impianto a carbone di Sampierdarena (GE) che doveva essere chiuso l’anno scorso per diventare la Tate Modern della Lanterna.

La riaccensione della centrale é una misura precauzionale, sollecitata dal Terna, la società che gestisce la rete e che deve garantire che domanda e offerta siano sempre in equilibrio. Sarà un intervento a termine, il tempo necessario per il riavvio delle centrali francesi.

Per la gioia dei genovesi, tutto tornerà a funzionare come in passato, ovviamente anche con l’arrivo di navi cariche di carbone sulle banchine del porto. Torneranno al lavoro i soci della compagnia “Pietro Chiesa” e si svilupperà di nuovo quel ciclo di lavoro indotto che fino alla chiusura della centrale, con una serie di servizi, garantiva comunque occupazione a questa fetta di porto a oltre duecento persone.

Ci sarà un po’ di fumo, ma solo con vento dai quadranti meridionali.

Domande: proprio quella centrale andava riavviata? E quanto ci costerà in bolletta, visto che una centrale di 65 anni ha un rendimento inesistente? Cui prodest?

www.edoardobeltrame.com

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook