Edoardo Varini
Due o tre cose che so del mondo
8 Febbraio Feb 2017 1802 08 febbraio 2017

Oddio la procedura di infrazione: il popolo italiano alzi la testa!  Patria italiana: il logo

Patria Italiana Copia

Rieccoci, nel ruolo che più storicamente ci compete, che meglio ci si attaglia: quello dei questuanti. Intimoriti, proni, i soliti italici «dai guardi dubbiosi, dai pavidi volti», come ci vogliono «i forti che tengono il campo».

Il ministro dell'Economia Padoan, a passati sussulti di dignità fa seguire la voce chioccia davanti al rischio della temibile procedura d'infrazione: «Un'ipotesi allarmante che va scongiurata».

Il balzo dello spread sopra i 200 punti fa calare le brache a chi avrebbe dovuto opporsi allo strapotere teutonico. Ricordate la baldanza della compagine governativa renziana pre rferendum?

Ora, in ginocchio. Al solito. La procedura di infrazione, dice Pier Carlo, «comporterebbe un probabile aumento dei tassi di interesse che stanno già risentendo dell'accresciuta instabilità a livello europeo». A quel punto gli interessi sul debito ci schiaccerebbero come vermi.

Siamo pronti alla "manovrina" basata sull'aumento delle accise per i tre quarti e per solo un quarto dai tagli della spesa? Poi c'è il solito miliardo che balla che dovrebbe derivare dal recupero dell'evasione fiscale. E poi ci sono i 15 euro della colletta presso i parrocchiani di Santa Maria dell'Orazione.

Il modo in cui l'Europa ci sta prendendo a pedate viene definito dal compito ministro «sgarbato». Si pretende un maggior garbo per la servitù?

Tutti i politici nostrani straparlano di economia, senza averne né la competenza né, soprattutto, la potestà.

L'inserimento del pareggio di bilancio in Costituzione ci ha venduto alla BCE. Il popolo italiano ringrazia.

Ma ha deciso, mentre si rialza dall'inchino, di scagliare la lancia in testa a Serse. Come Leonida. Per questo l'elmo spartano sul logo del movimento "Patria italiana". Che ho fondato per essere un uomo libero fra compatrioti liberi. Il solo disegno politico che equivalga al riscatto.

A presto.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook