Raja Elfani
Gloβ
17 Febbraio Feb 2017 1845 17 febbraio 2017

Ciao Kounellis, adesso facciamo chiarezza

Kounellis

Jannis Kounellis si è spento ieri a Roma e nei coccodrilli si legge che è la fine del suo viaggio. Sbagliano, la morte di un grande artista non è affatto la fine, anzi è il punto culminante della sua carriera, un momento decisivo, l’inizio della definizione del suo valore storico, l’inizio di qualcosa di più grande dell’artista stesso.

Un’altra cosa che si legge dappertutto è che se n’è andato “uno dei maestri dell’Arte Povera”, ma come potrebbe Kounellis fare a gara con Pistoletto e Penone? C’è una differenza flagrante tra Kounellis e gli altri poveristi, come un’incoerenza culturale che fa apparire l’Arte Povera un po’ forzata. E poi come si fa a dire di Kounellis che è “uno dei maestri"? Un maestro è maestro indiscutibile di un movimento oppure l’Arte Povera regge su un triumvirato, un’alleanza ufficiosa forse per qualcuno necessaria per dominare l’arte italiana. L'arte italiana: un territorio vasto quanto l’Impero Romano, e lo dimostra l’origine stessa di Kounellis, un Greco emigrato a Roma, l’unico con un’identità eterogenea a differenza degli altri artisti dell’Arte Povera quasi tutti del Nord Italia. Kounellis è l’ultimo testimone di un’identità italiana diversificata, una diversità confluita un tempo a Roma e mai più raggiunta altrove in Italia.

Si sa che Kounellis era già Kounellis prima dell’inizio dell’Arte Povera, prima di salpare per Genova e Torino alla galleria di Sperone. Fino all’ultimo Kounellis si riconosceva nell’Arte Povera ma diceva anche di essere romano. Cosa gli ha impedito di essere chiaro o almeno più loquace sugli inizi della sua carriera a Roma? Sicuramente il fatto che gli interessi tra Roma e il triangolo industriale (Torino, Milano e Genova) non fossero ufficiali e ancora oggi sono un problema.

L’Arte Povera è nata da aspirazioni internazionali non solo da parte italiana, è il prodotto di ambizioni anche americane incarnate dalla coppia Leo Castelli e Ileana Sonnabend e le loro manovre in giro per l’Europa. Manovre riuscite a Parigi e a Torino ma fallite clamorosamente a Roma dove l’ansia e la prepotenza della Sonnabend si sono scontrate con un’ideologia radicata, tra Fascismo e Comunismo.

Gli artisti che hanno detto no all’Arte Povera e al mercato americano sono stati squalificati, ma che gli artisti vi abbiano aderito o no è irrilevante. La spinta, ereditata dal Futurismo, a ricostruire l’identità italiana dopo la guerra è stata sovvertita dall’operazione omologatrice dell’Arte Povera, figlia di una cultura importata conforme alla politica democristiana. Se da Burri a Kounellis, gli artisti a Roma non hanno mai sentito il bisogno di dare un nome al loro movimento è perché l’obiettivo era di fare non l’Arte Povera ma l’Arte Italiana. A questo progetto e a questa consapevolezza romana, a lungo sottaciuta e scomoda, non ha ancora risposto lo Stato italiano, l’unica autorità a poter ratificare un’arte sovrana.

Intanto Virginia Raggi ci ha messo la faccia, prima sua apparizione nel mondo dell'arte contemporanea alla camera ardente di Kounellis al Campidoglio oggi.

Raja El Fani

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook