Federico Iarlori
From Paris with blog
3 Marzo Mar 2017 1119 03 marzo 2017

L'eterno ritorno dell'uguale

Hollandemacron

Uno dei pochi dati certi di questa campagna presidenziale così ricca di colpi di scena è che i francesi hanno bocciato senza appello il quinquennato disastroso di François Hollande e che hanno fatto (e stanno facendo) di tutto per voltare pagina. Non solo il Presidente uscente era talmente affossato dai sondaggi che ha addirittura deciso di farsi da parte e di non partecipare alla corsa all’Eliseo, ma perfino il Primo ministro uscente Manuel Valls - indubbiamente favorito come suo successore - è stato severamente punito dagli elettori di sinistra alle primarie del Partito socialista a vantaggio di Benoit Hamon, “ribelle” del Governo Valls e acerrimo nemico dell’hollandismo. Insomma, pur di dire basta a Hollande e compagni, i francesi sembrano pronti a tutto, perfino a tapparsi il naso per continuare a sostenere François Fillon, che, alla luce degli scandali in cui è stato coinvolto, dovrebbe essere ko e invece è ancora lì.

Fatto sta che, ironia della sorte (?), con le “sinistre” incapaci di trovare un accordo e Fillon indebolito, a poco più di due mesi dal primo turno delle elezioni presidenziali, sarebbero Marine Le Pen - saldamente in testa alle intenzioni di voto dei francesi - e Emmanuel Macron - che si avvicina sempre di più alla candidata del FN - ad andare al ballottaggio. Cosa significa? Significa che - data per certa la costituzione di un “fronte repubblicano” per evitare la vittoria dell’estrema destra al secondo turno - ci sono forti possibilità che Macron diventi il prossimo Presidente della Repubblica.

Macron. Ex ministro dell’Economia del disastroso Governo Valls, sotto il quinquennato disastroso della presidenza Hollande.

Tutto chiaro?

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook