Daniele Coltrinari
Lisbon Storie - storie di italiani a Lisbona
13 Marzo Mar 2017 2015 13 marzo 2017

La Lisbon Storie di Graziano Stanziani

Graziano Stanziani

«È così che il nome del blog e del suo autore (cioè del sottoscritto) compaiono all'inizio dei titoli di coda del film nel quale sarei dovuto entrare anch'io, che pure non dimoro stabilmente a Lisbona ma continuo a fare la spola con Roma. Infatti in un uggioso pomeriggio d'aprile fui intervistato dai tre giovincelli, ma il microfono trovò più interessante la rauca voce del vento che imperversava sul Miradouro das Portas do Sol anziché la mia. E dal momento che sarei ripartito di lì a poco, non fu possibile ripetere l'intervista. Amen».

A parlare è Graziano Stanziani, autore del blog “Lisbon Storie” (lisbonstorie.blogspot.it) uno che doveva far parte del nostro documentario e invece, come ha spiegato lo stesso Stanziani, “la rauca voce del vento” ha impedito la sua partecipazione.

Alla fine però Graziano ha fatto parte del film, non solo entrando nei titoli di coda ma concedendo il nome: «il titolo "Lisbon storie" non è stato borseggiato al mio blog ma è stato gentilmente richiesto dai tre autori/registi/montatori del film, che ritenevano -giustamente- che fosse il nome che più si attagliava alla loro creatura».

Graziano Stanziani conosce Lisbona da quasi vent'anni e scopre la città all'inizio del XXI secolo: «la prima volta che calpestai il suolo portoghese fu nel luglio 2001. Da un po' di anni il Portogallo aveva cominciato a esercitare un certo fascino su di me, forse soprattutto sull'onda del successo dei Madredeus. Poi successe che a Milano, dove all'epoca abitavo, conobbi un gruppo di portoghesi e allora mi decisi a fare quel viaggio a lungo desiderato. Essere a Lisbona e innamorarmene fu un tutt'uno. Come si dice in questi casi? Ti trovi in un posto in cui non sei mai stato ma in cui ti sembra di viverci da sempre: ecco, così fu per me in quel pomeriggio d'estate di sedici anni fa.

Nel 2003, dopo alcune permanenze di vari mesi in cui mi alternavo con Milano, stavo per prendere la decisione definitiva, ma per motivi professionali decisi di ritornare a Roma, dove avevo già vissuto, con la promessa a me stesso di tornare a Lisbona almeno due volte all'anno. Così fu.

E mi pesava tornare solo due volte all'anno. Ma quando una manciata di anni dopo ebbi la possibilità di fare un piccolo investimento, decisi di farlo a Lisbona, per avere di nuovo l'opportunità di venire qui con molta più frequenza. E infatti ormai da quasi dieci anni faccio la spola tra Roma e Lisbona».

Lisbona sta cambiando ed è già cambiata negli ultimi anni, anche il nostro amico di Lisbon Storie la pensa così e vede in questa trasformazione molto aspetti positivi: «credo di poter dire quello che dicono tutti coloro che l'hanno conosciuta all'epoca se non prima. Quando la vidi per la prima volta rimasi letteralmente rapito dal suo fascino decadente sotto il quale si sentiva tumultuare l'irrequietezza della contemporaneità. Era una città che ancora mostrava i segni di una povertà antica e le conseguenze della dittatura, ma la sentivi protesa verso il futuro, alla ricerca di un riscatto a portata di mano. Oggi, nonostante la crisi degli ultimi sei anni e i problemi di disoccupazione, di salari sempre più bassi e di emigrazione, vedo una città scintillante, cosmopolita e in continua trasformazione, sia per quello che definisco l'hardware (gli spazi pubblici, l'edilizia, l'urbanistica), sia per il software (il fermento culturale e sociale, le persone sempre più istruite e specializzate, gli incubatori di start up, ecc.). Nel giro di pochi anni la città si è rinnovata: i quartieri degradati rinascono, attività innovative aprono ogni giorno, il processo di risanamento di intere aree prosegue inarrestabile. Ovvio che c'è anche il rovescio della medaglia (i prezzi delle case lievitati, per esempio), ma è fisiologico che ogni trasformazione porti con sé delle sfide che devono saper essere affrontate e fenomeni che devono essere regolamentati. Mi pare che Lisbona ci stia riuscendo, o perlomeno ci stia provando».

In questo blog che riprende volontariamente il titolo del nostro documentario, voglio raccontarvi, stavolta in forma scritta, alcune storie che abbiamo già fatto conoscere attraverso il film e altre esperienze non presenti nel documentario Lisbon storie.

È arrivato forse il momento di provare a capire perché Lisbona è sempre più di moda tra gli italiani (e non solo).

Se sei un italiano/a che vive a Lisbona da poco o molto tempo o hai vissuto in passato nella capitale portoghese e vuoi raccontare la tua storia, scrivici a redazione.sostpereira@gmail.com

Daniele Coltrinari, autore di Lisbon Storie – storie di italiani a Lisbona e di C'era una Volta in Portogallo: un libro di ciclismo, di viaggio e un'avventura in terra portoghese, raccontando le tradizioni, le feste popolari, la gastronomia e i costumi di un Portogallo meno conosciuto e che difficilmente si trova su una guida turistica. Un’avventura stando in mezzo alla gente, viaggiando sui treni in seconda classe, sui pullman, utilizzando la bici, facendo l’autostop e andando a piedi solo per inseguire una passione lunga decenni chiamata semplicemente Volta a Portugal.

il suo blog personale è http://notturnoalfama.wordpress.com

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook