Daniele Buzzurro
Mad Web
11 Aprile Apr 2017 2103 11 aprile 2017

Startupbootcamp FoodTech, secondo ciclo di accelerazione e nuovo FastTrack World Tour 2017

Alcuni ancora non lo conoscono molto, mentre altri che sono dentro il settore dei Venture Capital non vedono l`ora di poterci interagire in pieno.

Sto parlando di Startupbootcamp che a Roma si esprime nel FoodTech, cioè il primo programma di accelerazione foodtech globale, di base nella Capitale Italiana, che ha oggi deciso di far conoscere a tutti la sua nuova call che da inizio al nuovo, secondo ed importante ciclo di accelerazione rivolto alle nuove startup del settore, ciclo che parte dal 2017 per finire nel 2018.

Riguardo il primo ciclo di accelerazione che è appena terminato, questo ha visto nascere alcune interessantissime e future realtà del settore, proiettate totalmente verso il futuro. Qui alcuni dei nomi che a nostro modesto parere avranno maggiore successo:

  • FruitsApp, la chiave per fare rete nel settore ortofrutticolo;
  • Milis Bio, aggiungere sapori nel mercato alimentare;
  • Kiwi Campus, il modo migliore per ordinare da mangiare in università;
  • Phytoponics, innovare la catena alimentare con la tecnologia idroponica;
  • Wallfarm, agricoltura intelligente a casa tua.

Se quindi ne hai una anche tu e hai l`opinione di riuscire ad arrivare ai più alti livelli del settore, per favore partecipa alla nostra call mandando la tua candidatura a questo link.

Ma gli annunci non finiscono qui.

Insieme alla call viene lanciato il FastTrack World Tour 2017, che si compone di una lista di 11 eventi in altrettante città del mondo (Amsterdam, Istanbul, Londra, Monaco di Baviera, Mumbai, New York, Parigi, San Francisco, Shanghai, Tel Aviv e Roma) nelle quali l`ambito delle startup foodtech ha un suo oggettivo valore aggiunto.

Partner del progetto sono soggetti di peso come Barilla, Gambero Rosso, Monini, Cisco, M3 Investimenti, Orienta ed tanti altri investitori, e tanti sono gli elementi che danno valore al Tour, tra cui mesi di ospitalità presso gli uffici e la sede di Roma di Startupbootcamp FoodTech, un valore fino a € 50.000,00 di capitale e oltre € 450.000,00 di servizi offerti dai partner, e l'accesso ad una rete di più di 120 mentor provenienti da ogni tipo di ambiente del settore. ​

Facciamo i complimenti a Peter Kruger, CEO di Startupbootcamp FoodTech, che ha raggiunto risultati record con la sua iniziativa e che sta quindi per allargarsi in modo ancora maggiore rispetto alle sue idee originali.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook