Il team di Energy and Strategy Hub
Energy and Strategy Hub
12 Aprile Apr 2017 1442 12 aprile 2017

Sen e rinnovabili, il ruolo chiave del biogas

Gas Cinese

Si avvicina il momento della presentazione dell’aggiornamento della Sen. Come promesso dal ministro Carlo Calenda, la strategia energetica nazionale metterà al centro le rinnovabili che dovranno, però, avere una nuova configurazione. Servirà una maggiore neutralità tecnologica, riducendo le differenze tra i combustibili, e la capacità di mantenere uno spazio per l’innovazione e la ricerca in un mercato in costante crescita. Come evidenziato dai dati presentati dall’Irex annual report 2017 “L’industria elettrica italiana: rinnovabili, mercato e nuovi scenari”, realizzato dagli analisti di Althesys e presentato al Gse, nel 2016 gli investimenti italiani nelle rinnovabili sono stati 7,2 miliardi di euro (con un incremento dell’11 per cento sul 2015), destinati però per la maggior parte all’estero.

L’industria elettrica italiana sta vivendo una fase di profonda trasformazione, sia nella sua struttura produttiva che nella fisionomia complessiva del sistema, nel quadro regolatorio e nel funzionamento dei mercati. Da un lato il settore si sta consolidando, con la crescita delle acquisizioni e della presenza degli investitori finanziari. Il consolidamento dell’esistente posizione non basterà però all’Italia per mantenere le posizioni acquisite e raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione dell’Unione europea al 2030.

Tra le rinnovabili, il biometano riveste un ruolo primario visto che l’Italia è il secondo produttore europeo, dopo la Germania, e il quarto produttore mondiale dopo Cina, Germania e Stati Uniti. Puntare su questo settore significa poter ridurre le emissioni dell’agricoltura e dei trasporti. Inoltre è l’unico settore delle rinnovabili in grado di produrre contemporaneamente due forme di energia: elettricità e gas naturale non fossile. “Continuare a produrle entrambe, trovando una soluzione alla fine degli incentivi dell’elettrico prevista tra il 2023 e il 2027, è fondamentale per garantire programmabilità del sistema elettrico nazionale” ha spiegato Christian Curlisi, direttore del Cib (Consorzio Italiano Biogas).

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook