Elisabetta Favale
E(li's)books
6 Maggio Mag 2017 0826 06 maggio 2017

Hemingway innamorato

Hemingway

Leggo e vi racconto un articolo pubblicato su The Paris Review.

Recentemente, a Boston, c’è stata una mostra al John F. Kennedy Library and Museum, tra le cose esposte ci sono moltissime foto, lettere, dipinti che riguardano Hemingway.

Guardando tra le lettere, sono state trovate alcune lettere che lo scrittore scrisse a Frances Elizabeth Coates di cui sembra, fosse innamorato.

Bene, a notare queste lettere è stata Betsy Fermano, nipote della Coates che non aveva mai sentito parlare in famiglia di questa vicenda e di queste lettere! Pensate che incredibile sorpresa, andare ad una mostra e scoprire che sono esposte lettere che uno dei più grandi scrittori a livello internazionale aveva scritto a tua nonna…

Un Hemingway molto diverso da come siamo abituati a immaginarlo, questo emerge dalle lettere. Aveva appena finito il liceo quando partì per l’Italia come volontario per lavorare sulle ambulanze, c’era la guerra, fu ferito e ricoverato in un ospedale di Milano. Nonostante le circostanze si preoccupò di scrivere a sua sorella raccomandandosi di far sapere a Elizabeth Coates che pensava a lei, che l’amava.

Il 15 ottobre 1918 scriveva (trascrivo in inglese perché è molto romantico leggerlo in lingua originale):

“by the light of a candle stuck in a bayonet.” He goes on: “… I can now read, speak and write love letters in Italian … I never cared to bring myself to address anyone as ‘My treasure’ but a ‘Tesor a mea’ [sic] just runs out of the pen … Tis indeed a noble language and I’ll have to haunt the fruit stands in the States to find somebody to work it off on!”

Ed ecco un sonetto che dedicò sempre alla Coates.

“Frances his idol, with eyes of blue!” the poem begins:

He wonders if F Coates is looking his way
He straightens his tie, and heaves a great sigh
But oh how he jumps to see when sweet F.C. comes by!
No one likes Ernest, that is straight stuff
And when he writes his stories we all say Enough

Sorprende molto tutto ciò, visto che I suoi compagni di scuola dicono che era più facile vederlo in compagnia di una canna da pesca che di una ragazza. Una sua compagna, Marian Kraft Larson, disse al Chicago Tribune“he was “very popular with the boys.” “Frances Coates was the only girl I remember seeing him with.”

E' noto che sulle "preferenze" sessuali di Hemingway ci sono sempre state molte insinuazioni...secondo molti era gay, certo sarebbe interessante approfondire e capire come una sua omosessualità può risultare coerente con taluni aspetti del suo carattere e alcune convinzioni che Toni Morrison, la scrittrice afroamericana Premio Pulitzer, ritiene siano spiccatamente razziste. Un gay razzista! Un ossimoro!

Fatto è che la Coates sposò, nel 1929 John Grace, peccato, perché la mamma di Hemingway sarebbe stata molto felice di vederla al fianco di suo figlio, infatti la definì una ragazza adorabile e affascinante.

La Coates invece descriveva così lo scrittore:

“a great, awkward boy falling over his long feet … in life, a disturbing person with very dark hair, very red lips. Very white teeth, very fair skin under which the blood seemed to race, emerging frequently in an all-enveloping blush. What a help his beard, later was to be, protecting and covering this sensitivity. The whole of his face fell apart when he laughed.”

Andate a curiosare sul sito https://www.jfklibrary.org/

Scoprirete materiale molto molto interessante!

In quanto a me vi dico “have a nice weekend”

In foto uno dei miei volumi di Hemingway con una raccolta di romanzi a cura di Fernanda Pivano.

Editore Arnoldo Mondadori – I Meridiani.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook