MY PR
Behind reputation
11 Maggio Mag 2017 1442 11 maggio 2017

RyanAir bocciata in etica del lavoro da 7 fondi che, per il CEO Michael O’Leary, sono degli “idioti”

IMG BLOG DEF 2
Ryanair reputazione a rischio per una questione di etica

Nuvole all’orizzonte per RyanAir, la compagnia aerea low cost non supera l’esame “etico” e 7 fondi europei ritirano i loro investimenti.

Sembra che il filone sostenibilità tanto caro ai consumatori, si stia ritagliando un posto speciale non solo nel cuore dei brand e dei relativi reputation manager ma anche in quello di importanti investitori, tra i quali Atp, il più grande fondo danese, Sam, PFA, Folksam, un investitore istituzionale svedese, Baillie Gifford ed Hermers Eos, proxy advisor in Gran Bretagna.

L’integrazione, lo sviluppo e la valorizzazione di componenti etiche all’interno dei modelli di business è tanto un’esigenza quanto un must, per molte multinazionali, come P&G e Unilever, Coop. Un tema centrale che ha fatto sì che molti opinionisti abbiano contribuito alla discussione su RyanAir schierandosi a favore della decisione dei sette fondi di ritirarsi: dalla contributor di Forbes e giornalista dell’Indipendent Dina Medland agli inviati della Reuters di Londra. Dure, ma prevedibili, le reazioni degli imprenditori norvegesi e danesi, abituati ad altri standard sia di retribuzione che di qualità del lavoro, e di recente impegnati in una lotta contro la low cost irlandese proprio per il trattamento riservato al personale. Quello che ha lasciato tutti a bocca aperta è stato il commento del CEO Michael O’Leary, che, senza usare mezzi termini, ha definito degli “idioti (idiots)” male informati tutti e sette i fondi. Insomma, che si richiedesse una dichiarazione del brand sull’accaduto era scontato, che venisse data questa risposta, che lascia poco (o forse nessuno) spazio alla discussione, un po’ meno.

Per continuare a leggere http://www.behindreputation.com/ryanair-bocciata-etica-del-lavoro-7-fondi-ceo-michael-oleary-idioti/

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook