Elisabetta Favale
E(li's)books
24 Ottobre Ott 2017 0614 24 ottobre 2017

Il Dandy di Un libro per due

CFEEB66E D950 4395 ABAA DFD13C399B3F

E' finita anche la seconda stagione di Un libro per due e sono partite anche le repliche, ecco il penultimo ospite dell'ormai noto divano giallo!

Il Dandy!

Elisabetta: “Il dandy” che legge D’Annunzio e Bukowski, in target col personaggio dimmi invece due autori che stonano con l’immagine del dandy ma che invece ti piacciono

Emiliano: di getto ti direi Lovecraft e Poe!

Elisabetta: nella storia della letteratura il dandy è un borghese, il Bohemien un proletario… se dovessi descriverti come un dandy della letteratura chi saresti?

Emiliano: innanzitutto, come ho detto anche nel programma, per me è quasi un onore essere definito un dandy! Credo che la mia scelta ricada, forse in maniera un pochino banale, su Dorian Gray. Fondamentalmente perché rivedo in lui alcuni dei miei errori.

Elisabetta: con chi parli di libri?

Emiliano: non con molte persone, purtroppo! Per questo “un libro per due” è stato doppiamente stimolante per me.

Comunque parlo di un libro ad una persona quando penso possa piacergli.

Elisabetta: cosa ti spinge a definire un libro bellissimo?

Emiliano: innanzitutto servono dei personaggi carismatici e poi un libro è bellissimo quando continuo a pensare alla storia anche dopo che L ho chiuso.

Elisabetta: Vorrei i titoli dei tuoi libri cult, mi devi dire:

un cult scritto da un uomo e uno da una donna tra i classici

un cult scritto da un uomo e uno da una donna tra i libri di letteratura di oggi (intendo autori viventi)

Emiliano: cult scritto da un uomo “il vecchio e il mare” di Hemingway (per non essere troppo ridondante)

Cult scritto da una donna “ Frankenstein” di Shelley

Cult contemporaneo scritto da un uomo “bar sport” di Stefano Benni

Cult contemporaneo scritto da una donna: “ Harry Potter” per me è cult perché mi ha iniziato a far leggere dei libri veri

Elisabetta: Quali sono, se pensi ci siano, le peculiarità della scrittura di un uomo e quelle di una donna?

Emiliano: non credo ci siano differenze, un libro può essere bello o brutto, ma non dipende dal sesso dell’autore

Elisabetta: Il libro più brutto letto nel 2016 e il più bello letto in questi primi mesi del 2017

Emiliano” il più bello è sicuramente furore di Steinbeck mentre per il più brutto del 2016 mi trovi impreparato, causa laurea non ho letto molto

Elisabetta: Come sei stato scelto per Un libro per due?

Emiliano: un po' per caso, sono andato al provino quasi per sbaglio, tramite passaparola di amici di amici… e poi eccoci qua

Elisabetta: Ti piace riguardarti in TV?

Emiliano: non particolarmente, mi fa sempre un po' strano

Elisabetta: Tra i tuoi compagni, i 12 lettori della trasmissione, chi ti sembra abbia i gusti più simili ai tuoi?

Emiliano: in realtà essendo quasi tutti i miei compagni di lettura più esperti di me (come numero di libri letti) credo di poter trovare qualche punto di contatto un po' con tutti

Elisabetta: i tuoi amici guardano il programma?

Emiliano: si, mi riguardano più loro che io!

E si divertono anche molto a vedermi in TV

Elisabetta: In TV fanno una pubblicità per incoraggiare la lettura, non so se l’hai vista, se dovessi fare tu uno spot pubblicitario cosa diresti? In una frase.

Emiliano: mai vista, non guardo molto la TV.

“Leggete perché non è mai banale quello che un libro può darvi” anche se non credo funzionerebbe come slogan per me è una grande verità.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook