Elisabetta Favale
E(li's)books
22 Novembre Nov 2017 0651 22 novembre 2017

Negroland il memoir di Margo Jefferson

308A7B76 AC65 4F64 B148 01A0B12F2BC2

In questi ultimi mesi si sta parlando molto del libro di Colson Whitehead The underground railroad (la ferrovia sotterranea in Italia pubblicato da Sur), Margo Jefferson, come Whitehead, ha vinto il Pulitzer e come lui è afroamericana. Negroland è un memoir, racconta la sua storia, la storia di una “negra” (così scrive lei) nata e cresciuta nella Chicago dell’alta borghesia afroamericana. Un libro intenso in cui l’autrice rivendica l’uso del termine “negro”, un termine che, se da un lato la mette in imbarazzo, dall’altro è il termine che lei ritiene sia più di tutti oggettivamente pregno di risonanze storiche.

“Trovo che negro sia ancora una parola piena di meraviglia, gloriosa e terribile. È una parola che si legge nei manifesti con le taglie per gli schiavi in fuga e nei proclami per i diritti civili “.

Chirurgicamente Margo Jefferson analizza la sua vita di afroamericana “privilegiata”, lo fa in modo distaccato, racconta di come sia cresciuta nella consapevolezza che potevano esserci “negri” come loro e “negri” poveri che rappresentavano tutto ciò che i bianchi disprezzavano.

Quelli di Negroland sono una razza a parte, spiega la Jefferson, chi ne fa parte è ossessionato dai capelli (fa lunghissime descrizioni su come trattarli e lisciarli), dalla forma del naso e dalle mille sfumature della pelle (mi ha ricordato molto i discorsi delle giovani protagoniste di Swing Time).

I bianchi invece sono guardati con sospetto perché c’è la consapevolezza che, a fronte delle condizioni “abbienti “ dei neri (non riesco proprio a scrivere negri!) di Negroland, anche il più “poveraccio “ si sente comunque superiore.

Margo Jefferson ha scritto un libro sul complesso concetto di razza che ha approfondito spesso anche in altri lavori, famoso è il suo saggio su Michael Jackson.

”Ero così felice che mi sono dimenticata di essere nera”, con questa frase penso si possa riassumere il libro di Margo Jefferson, racconto spietato di una afroamericana di Negroland.

Margo Jefferson - Negroland - 66thand2nd editore

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook