Elisabetta Favale
E(li's)books
4 Gennaio Gen 2018 1247 04 gennaio 2018

We were the Lucky Ones - Noi I salvati

C610092C E81E 45B6 A238 530984CABC41

Ho voluto pubblicare la copertina del libro nella versione originale perché mi piaceva di più il titolo che in italiano perde un po’ (succede spesso)!

L’autrice è Georgia Hunter, americana di Plainville, classe 1978, Georgia ha saputo di essere figlia di un sopravvissuto dell’Olocausto solo nel 2000 quindi ha pensato di raccontare la storia della sua famiglia facendo ricerche su tutti i componenti che vivono in giro per il mondo.

In Italia il libro è pubblicato da Nord, la versione in lingua inglese che leggerò è della Penguin.

La storia

protagomista è la famiglia Kurc: Addy, Mila, Genek, Jakob, Halina. Nel 1939 la Polonia, dove vivono, non è più un posto sicuro per una famiglia di ebrei così decidono di dividersi scappando chi in Russia chi in Brasile, chi creandosi una nuova identità “ariana”.

Le vicende della guerra e delle persecuzioni razziali metteranno a dura prova la famiglia che grazie alla determinazione e al desiderio di vivere riuscirà alla fine a ricongiungersi.

Georgia Hunter porta i lettori nei jazz club di Parigi, nei gulag della Siberia, nelle prigioni di Cracovia mostrando quanto sia indispensabile sempre la fiducia nel futuro e la forza di volontà.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook