Maurizio Sgroi
il Cronicario di Crusoe
10 Gennaio Gen 2018 1618 10 gennaio 2018

I grandi successi della Zombienomics italiana

Zombienomics

Proverbio del 10 gennaio Oro puro non teme il fuoco

Numero del giorno -0,42 Rendimento % bot annuale venduto in asta

Casa dolce casa, come no. Guardate i dati Istat e poi ne riparliamo.

E giù lacrime, con la Confedilizia subito a ricordare che il mattone nostrano è gravato da balzelli per 50 miliardi l'anno che scoraggerebbero chiunque, tanto è vero che nel resto dell’Eurozona i prezzi salgono e da noi no. Voi ci credete?

A prescindere, rimane il fatto che da noi il mattone dà un contributo rilevante alla nostra zombienomics, categoria economica che non vi sarà sicuramente sfuggita visto che si tratta di uno dei nostri maggiori successi recenti. Vi è sfuggita? Perbacco, allora dovete sapere questo.

Oggi la Bis ha presentato una pregevole ricognizione sulla straordinaria evoluzione delle imprese zombie, quelle che coi profitti non riescono manco a pagare gli interessi sui debiti che hanno fatto per stare a galla, che come potete arguire dal grafico qua sopra sono in crescita da un trentennio. Casualmente le zombie sono parecchio aumentate mentre scendevano sempre più i tassi di interesse.

Ora va detto che le nostre imprese concorrono magnificamente al campionato delle zombie firms messo in campo dall’Ocse qualche mese, con uno studio.

Quindi nel 2013 le imprese zombie made in Italy occupavano il 10% del personale di tutte le imprese italiane e soprattutto esprimevano il 20% dello stock di capitale. Non sappiamo come stiano oggi le cose, ma confido che siamo sempre in corsa per un primato. Soprattutto questa situazione a me ricorda quella del nostro patrimonio immobiliare, zombizzato anch’esso a causa di una recessione patrimoniale che, casualmente, è cominciata dopo il boom clamoroso d’inizio millennio.

Che il mattone continui a perdere peso (e prezzo) a sicuro detrimento della nostra ricchezza nazionale, già falcidiata da un settennio di crisi, oscura persino il lumicino acceso da Bankitalia. I dati di novembre sui prestiti bancari segnano un incremento del credito al settore privato, gran parte del quale alle famiglie e assai meno alle imprese, che comunque è buono a sapersi.

Il credito alle famiglie dipende in gran parte dai mutui, ovviamente, e il fatto che le compravendite siano in aumento e i prezzi in calo può significare soltanto che si riesce a vendere solo perché si abbassano i prezzi e quindi che il mercato non ha trovato un equilibrio, figuriamoci un rimbalzo. Peraltro Istat segnala con chiarezza che la flessione riguarda in gran parte i prezzi delle abitazioni esistenti. Il mattone italiano, d’altronde, come sa chi ci lavora, è spesso di qualità infima e anche vecchiotto.

Cotanta mestizia s’allevia quando leggo, sempre sui dati di Bankitalia, che le sofferenze bancarie sono scese significativamente fra ottobre e novembre. Tenetevi forte: sono passate dai 173,8 miliardi di ottobre a nientepopòdimeno che 173,0.

In gran parte questi debiti derivano dal settore corporate, che sappiamo zombizzato anche a causa dei notevoli investimenti immobiliari sballati fatti nel periodo del boom. Il morso degli zombie, si sa, non perdona.

A domani

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook