Il team di Energy and Strategy Hub
Energy and Strategy Hub
22 Gennaio Gen 2018 1514 22 gennaio 2018

India guida delle economie emergenti nella corsa alle rinnovabili

Campo Fotovoltaico Francia

I giganti asiatici e le atre nuove leve dell’economia globale puntano forte sulle energie rinnovabili. I costi dell’energia continuano a calare e secondo i dati del Bloomberg New Energy Finance , presentati a fine novembre al summit internazionale sull’energia di Shanghai è soprattutto il fotovoltaico a fare il pieno di investimenti. Gli impianti ad energia solare hanno fatto il record nel 2017 raggiungendo i massimi storici per energia prodotta (24,8 TWh) e per incidenza sul mix produttivo (8,7%). Un contributo massiccio arriva dalla Cina che realizza circa metà del totale grazie al boom degli impianti di piccole dimensioni largamente diffusi. Interessantissima anche la performance dell’India con con 4,2 GW (potenza efficiente lorda relativa a impianti alimentati da fonti rinnovabili). Il governo guidato da di Narendra Modi ha annunciato obiettivi più che ambiziosi per quanto riguarda la transizione energetica del Paese. Entro il 2022, l’India vuole arrivare a 175 GW di potenza elettrica da energie rinnovabili. Ma sono tante altre le iniziative messe in campo come il piano Fame ( Faster Adoption and Manufacturing of Hybrid and Electric vehicles), lanciata nel 2015 dal governo indiano per promuovere la produzione e la diffusione dei veicoli elettrici. Nel 2017 Nuova Delhi ha incrementato la capacità solare installata sui tetti dei propri edifici più dei quattro anni precedenti messi insieme raggiungendo raggiunto la capacità di 715 Mw con un tasso annuale di crescita del 117% dal 2013. Circa 300 milioni di indiani su una popolazione totale di 1,3 miliardi di persone non è ancora collegata alla rete elettrica e nelle aree rurali e più povere sono largamente diffusi carburanti inquinanti come cherosene e carbone. Tuttavia, nonostante la crescente diffusione delle rinnovabili, la generazione elettrica da carbone in India dovrebbe aumentare di quasi il 4% all’anno fino al 2022.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook