Alessandro Sannini
La nota
12 Febbraio Feb 2018 2347 12 febbraio 2018

Italia: Una Vita in Vacanza e se sbagli sei fuori

Renzi Linkiesta

Prendo spunto dal Festival della Canzone di Sanremo appena concluso e prendo spunto dai ragazzi bolognesi dello Stato Sociale che in realtà provengono da una bella emittente radiofonica che Radio Fujiko un pò schierata a sinistra ma con un palinsesto ottimo e con una certa cultura musicale. In un posto così tradizionale come Sanremo non ci si aspetta una canzone così orecchiabile con un testo così attuale. Successe una volta con Giorgio Faletti, con doti da comico e con una grande profondita con quel suo " Minchia Signor Tenente" nel 1994 in quei brutti anni della sfida Stato Mafia, le stragi e Tangentopoli. Però merita un ascolto perchè uno spaccato di personaggi che vorrebbero fare mille professioni e mille lavori, ma in realtà vivono in vacanza perchè non hanno una grossa conoscenza della realtà ma con uno spiccato senso del non prendersi mai e proprio mai la responsabilità di ciò che dicono e cose che fanno. Perchè la grande verità che tocca tutti, che in Italia c'è uno spiccato senso dell'impunità che per esempio ha permesso di essere luogo di asilo politico e bivacco di immigrati delinquenti che scappavano da paesi dove il codice penale era ben applicato e piuttosto veloce. Quindi " Una vita in vacanza , una vecchia che balla...nessuno che rompe i coglioni e sopratutto nessuno che dice mai...se sbagli sei fuori ". Mi ha parecchio ispirato questa cosa, perchè ahimè, sto conoscendo quanto è difficile avere legalmente ragione in questo paese. E conosco tutti limiti di questo paese, che è un paese che viaggia a due velocità ci sono geni ed eccellenze che non riescono a crescere e quindi ovviamente chiudono le loro trolley, i laptop e i loro uffici o di disdicono i loro co-working e vanno dove possono essere apprezzati, dall'altre parte c'è gente che si arrabatta che vive in un sottobosco fatto di falsi, di appropriazione indebita e piccole e grandi truffe. Qualche volta fai il ladro e qualche volta fai il derubato come dice la canzone dei giovani bolognesi. Io personalmente ho un Van nero preso a noleggio a lungo termine con i vetri oscurati pronto per partire per un bel giro turistico per la Procura della Repubblica ovviamente Mercedes dove i gentili ospiti (ne ho qualcuno ) nelle tasche possono trovare delle carte di credito. burrata e gamberetti e pure i funghi. Ma questa è un altra storia. Mi risuona sempre nella testa "...Se sbagli sei fuori.." Nei paesi un pò più civili, specialmente quelli anglossassoni, quel " se sbagli sei fuori " è verissimo ed è realtà. In un Inghilterra così in confusione e anche così qualche volta poco compresa, quando si prende un'autorizzazione FCA l'introduzione di un corso di antiriciclaggio è l'elencazione dei reati e delitti che uno può combinare nel mondo finanziario e con quanta velocità uno può finire in galera. Tutto questo è un pretesto, per sottolineare quanto ci sia bisogno di ripartire in questo paese con qualcosa che forse dovrebbe passare da una rivoluzione culturale fatta di Etica,Innovazione e Leadership. Tutto questo deve passare in tutti i segmenti della società civile che deve essere forza di cambiamento. Questo è il paese dove si amano di più influencer e fancazzisti cronici che rappresentano forse una pausa frivola in una situazione devastante. Cominciamo davvero con un " Se Sbagli se fuori" . Valorizziamo il talento, il risultato economico, la cultura. Gli ospiti del Van Nero Mercedes magari gli scopriremo più avanti. Sarà un Reality Show.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook