Egomnia
Egonews
3 Aprile Apr 2018 1429 03 aprile 2018

Come avviare una startup

Matteoin Manuel Ritz

"Ciao Matteo, ho l'idea per un'App che cambierà il mondo ma non so come realizzarla, mi dai una mano?"

Questo è il messaggio più frequente che ricevo sui miei canali social. Messaggio a cui non rispondo praticamente mai. Infatti con un solo messaggio, la persona che l'ha scritto ha dimostrato che:
- Non ha competenza
- Non ha voglia di fare
- Non si sa presentare

Ecco perché ho deciso di caricare un video su Youtube e di postare questo post sul blog, per aiutare le persone a capire quali sono i corretti passaggi che si devono fare per avviare una startup. I passaggi da fare prima di contattare qualsiasi altra persona.

Ecco di seguito i primi passaggi, suddivisi in 7 punti, che chiunque voglia avviare una startup dovrebbe seguire:

1) Idea:

Per prima cosa, bisogna avere un'idea. L'idea può essere:
- Rivoluzionaria: ovvero l'invenzione di qualcosa d'inesistente che può cambiare il mondo
- Innovativa: ovvero il miglioramento di qualcosa che esiste
- Emulativa: ovvero la replica di qualcosa che esiste

2) Analisi funzionale:

Questo documento deve essere di 10-15 pagine. Non deve entrare nei tecnicismi ma deve descrivere solo le funzionalità del progetto.
Ad esempio, per un sito web, l'analisi funzionale potrebbe avere questo indice:

1) Introduzione
2) Homepage
2a) Registrazione
2b) Login
3) Profilo
3a) Modifica Profilo
ecc...

È importante inserire nel documento:

- Chi lo ha redatto
- La data
- Il luogo

Il documento di analisi funzionale serve a far capire bene la vostra idea a tutte le persone che dovranno aiutarvi a realizzarla (sviluppatori, consulenti, ecc...)

3) Analisi di mercato:

Questo documento di analisi deve poter rispondere a tre domande:
- Quanto vale il mercato in cui la vostra startup andrà ad operare?
- Quali sono gli attuali competitor (Chi sono, strategia, modello di business, numeri, ...)?
- Che posizionamento vuole avere la mia startup?

4) High Level Design

È importante che ogni nuova startup apporti un valore tecnologico e di innovazione nel mercato. Questo documento deve descrivere:
- Quant'è l'effort necessario per realizzare la componente tecnica (giornate uomo, timeline, ...)
- Quali tecnologie verranno utilizzate e perché

5) Business Case

All'interno di questo documento deve essere presente:
- un Business Plan (mostrare ricavi e costi nel tempo)
- specificare al dettaglio come avverranno i ricavi
- specificare al dettaglio come verranno distribuiti i costi

6) M.V.P.

È l'acronimo di Minimum Viable Product, ovvero un prototipo del prodotto della vostra startup. Nel caso si trattasse di un software, una grafica/mockup navigabile.
Serve per mostrare come sarà il risultato finale della vostra idea.

7) Presentazioni

È opportuno realizzare almeno tre presentazioni dove inserire una sintesi di tutte le informazioni reperite nei documenti redatti nei primi sei punti, aggiungendo la presentazione del team.
- 1 slide o OnePager
- 5 slide
- 15 slide

Queste presentazioni servono qualora vogliate contattare dei possibili partner o investitori. Leggeranno quella da 1, 5 o 15 slide a seconda del tempo che hanno a disposizione da dedicarvi.

In conclusione, una volta svolti correttamente questi sette passaggi avrete:
- Raffinato la vostra idea
- Maggiore consapevolezza sul mercato
- Idea sul posizionamento, i costi e i ricavi della startup
E potrete decidere se investire voi in prima persona o se necessitate di capitali esterni.
In quel caso però l'idea che darete di voi sarà di una persona preparata, affidabile e seria, perché a quel punto, l'investitore, saprà esattamente dove andranno a finire i suoi soldi

Matteo Achilli Instagram Facebook Twitter - Ufficio Stampa di Egomnia | Egonews

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook