Edoardo Varini
Due o tre cose che so del mondo
4 Giugno Giu 2018 1305 04 giugno 2018

Tra adulatori ed altri «che mai non fur vivi»

Brancaleone

Paolo Mieli per certi aspetti è fenomenale. Se leggi il suo fondo odierno lo capisci. Udite! Udite!

«Colpisce la stravagante eterogeneità delle iniziali sortite d’opposizione al governo presieduto dal professor Conte. Certo, siamo solo ai primi passi di questa esperienza ed è fisiologico che le prese di posizione antigovernative – sia a destra che a sinistra – pecchino talvolta di incoerenza e talaltra di mancanza d’ordine logico».

Voi capite? La quaestio è ribaltata. Voi ditemi che rilevanza può avere la coerenza delle obiezioni al governo. È un tema? Io è la prima volta che sento qualcosa di simile.

Abbiamo al governo l’armata Brancaleone ed il tema è l’incoerenza delle critiche che le vengono rivolte.

Be’ Paolo, però ti comprendo. Avrai le tue ragioni. Ma ti sei accorto che i vincitori hanno impiegato 80 giorni per qualcosa, il governo, che avrebbe potuto essere fatto in tre? E questo perché Salvini e Di Maio sanno di non poter agire all’unisono su nulla?

E sarà tutto uno straparlare frammisto a denunce di ostracismi da parte di Presidente della Repubblica, amministrazioni locali, burocrati europei e via elencando.

Abbiamo un ministro degli Interni che il giorno prima voleva scatenare la piazza contro il Colle.

Ma va bene così. Ci sarà sempre un colpevole della loro inazione.

Ma sapete la cosa che mi scandalizza di più? L’ignavia di tutti coloro che hanno chiara la dimensione dell’imminente catastrofe e non fanno nulla. E stanno a guardare. E stanno ad attendere… che cosa?

Questo atteggiamento apparentemente è meno esecrabile del correre in soccorso ai vincitori, ma in realtà è ancora più colpevole. Ma lo sapete che forse Dante non aveva sbagliato a dire che costoro «mai non fur vivi»?

A presto.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook