Elena Inversetti
Inversamente
19 Giugno Giu 2018 1021 19 giugno 2018

Nanni Anselmi. C'è chi dice FANCULO ALLA SLA!

Nanni Anselmi Slanciamoci Elena Inversetti

Ho conosciuto uno che ha detto: Fanculo alla SLA!
Si chiama Nanni Anselmi.
Se ne è andato due anni fa, ma è ancora vivo e presente.

Ecco perché.

A testa bassa, Elena. Stai a testa bassa. Nel lavoro. Ogni giorno. E poi nella vita. Di ogni giorno. Tenace. Fanculo. Te-na-ce.
Le sue parole mi continuano a pungolare. E per questo la sua mancanza risulta, giorno dopo giorno, sopportabile.

Nanni Anselmi, imprenditore milanese e fondatore di Slanciamoci se n’è andato due anni fa. Tanto è il tempo che è passato dall'ultima volta che abbiamo parlato, senza salutarci, perché, anche se la SLA faceva il suo fottutissimo corso, Nanni sembrava eterno. E lo era. Lo è stato. E lo è ancora.

Nanni Anselmi era tante cose che non sta a me raccontare. Per me è stata una tappa fondamentale della mia ricerca del padre.

Nanni per me – come per tante persone – è stato un maestro. Inaspettato e fuori cattedra che generosamente mi ha regalato serate e telefonate durante le quali abbiamo addentato la vita, partendo da quel morso che inesorabilmente lacerava la sua carne. Una ferita che la sua malattia teneva aperta e offerta. La SLA aveva SLAtentizzato le fibre muscolari più tenaci per la battaglia della vita. E pensare che “la bestia”, come la chiamava Nanni, i muscoli invece li annienta!

Con Nanni ho fatto un passo avanti verso la maturità. Senza Nanni oggi tento di procedere a testa bassa. Son più le volte che cado e che mi scoraggio (la te-na-cia è roba da du-ri), ma lui mi ha insegnato a rialzarmi. Prendendomi sul serio e volendomi bene. Perché quando urlava: Fanculo la SLA, urlava anche: Fanculo le debolezze e i mostri, più o meno visibili, che ognuno di noi ha, ed era quanto di più autentico e credibile si potesse desiderare. E lo è ancora. E lo sarà sempre.

Una testimonianza paterna per tutti.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook