Maurizio Sgroi
il Cronicario di Crusoe
27 Giugno Giu 2018 1531 27 giugno 2018

Abbiamo svegliato le polizze, il resto può attendere

Dormiente

Proverbio del 27 giugno Le chiacchiere non cuociono il riso

Numero del giorno 0,092 Tasso % in asta del bot semestrale. Era negativo ad aprile

Non so a voi, ma a me questa storia delle polizze dormienti mi ha sempre inquietato. Insomma ci sono persone che (a loro insaputa?) sono intestatarie di polizze assicurative delle quali non traggono alcun frutto. Le polizze dormono, e gli intestatari di più. Figuratevi che gioia le assicurazioni, che intascano e non pagano. Finché non arriva l’Ivass.

Come chi è? Dai, è l’istituto nazionale che vigila sulle assicurazioni che oggi ha presentato il suo rapporto annuale e ha rivelato quella che nel tranquillo dormitorio che è diventato il nostro paese, popolato ormai da persone tramortite dai social, è diventata la notizia del giorno: le polizze dormienti si sono svegliate. Ben 187.493 belle addormentate hanno riaperto gli occhi per la gioia dei fortunati beneficiari che hanno intascato oltre 3,5 miliardi di euro di pagamenti. E ce ne sono almeno altre 3,8 di queste sospette dormiglione che chissà quanto sviluppano in valsente. Sempre perché siamo un paese abitato da poveri.

Se questa è la notizia del giorno, figuratevi le altre. Se togliamo dal mucchio le quotidiane facezie di Dichiarante uno e Dichiarante due, che oggi spaziavano dai migranti al decreto sulla Gig Economy, ribattezzata all’uopo Gigg Economy, di cose concrete ne rimangono poche. C’è il centro studi di Confindustria che vede l’economia in rallentamento quest’anno e il prossimo, che riferito al caso nostro è come dire a un artritico che perderà un ginocchio. Ma soprattutto c’è l’Unione petrolifera che ha riferito un paio di cose che hanno attirato la mia ficcante attenzione. Ecco la prima: la fattura elettronica per i benzinai serve a impedire le frodi sull’Iva, uno dei tanti primati italiani assai prima che Prima l’Italia divenisse uno slogan. Se applicata produrrà incassi all’erario di 150 milioni per i prossimi sei mesi del 2018. Ma siccome saprete che il governo ha già detto che rimanderà l’applicazione della norma al 2019, questi 150 milioni, che magari potevano servire a fornire la mezz’ora di internet gratis a tutti finiscono nell’oblio delle tasse non pagate.

Ma la seconda è ancora meglio. La nostra bolletta petrolifera è prevista in aumento del 20% quest’anno rispetto al 2017, una robetta da quattro miliardi. Nel 2017 era già cresciuta altrettanto rispetto al 2016. Conclusione: due anni fa pagavamo 13,5 miliardi per l’energia, quest’anno 21,5. Poi non vi stupite se il surplus del commercio estero si atrofizza. Non bastassero le mattane di Trump, c’è anche il caropetrolio.

A fronte di tutto ciò, un qualche sotto Dichiarante ha detto che ormai è prossimo il decreto che cambierà l’Italia. Abbiamo cominciato con le polizze e arriveremo anche a svegliare la nostra economia. Faremo un rave coi soldi dello stato. Quindi state sereni. Anzi dormite tranquilli.

A domani.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook