Elisabetta Favale
E(li's)books
30 Luglio Lug 2018 1623 30 luglio 2018

Il trono di flebo di Noria Nalli

Il Trono Di Flebo

Vi avevo già raccontato di Noria Nalli e del suo libro "Avventure semiserie delle mie gambe", chi è Noria?

Ecco una breve scheda, in attesa di conoscerla meglio con una intervista :

"Ci sono incidenti di percorso, nella vita, che dovrebbero fermarti – spalmarti al pavimento, e invece… invece si può fare qualcosa di buono proprio a partire da quegli "sgambetti", e usiamo questo termine non a caso.

Le gambe sono il "focus" attorno al quale Noria Nalli, scrittrice blogger e giornalista (volutamente non iscritta all’ordine), ha costruito il suo percorso – di vita e professionale.

Quelle gambe con cui ha avuto un rapporto mai troppo facile, e che lentamente hanno deciso di non fare più il loro dovere. Croce e delizia, amiche nemiche, motore immobile (triste gioco di parole) e benzina per un nuovo lungo viaggio.

Le gambe hanno portato Noria in un mondo di parole, ironia, racconti, incontri, emozioni, che hanno reso il suo incidente di percorso una grande preziosa opportunità.

Nel 1996 si ammala di sclerosi multipla. Da quel momento inizia un’avventura straordinaria, alla quale neanche lei crede. Il ricovero le serve per cominciare a scrivere, prima su La Stampa e Gioia, poi su Vita e Confidenze.

Seguono tre libri, un blog, "Sclerotica", i cui ingredienti sono l’ironia, la rabbia e la passione!

Perché Noria è così: la sclerosi non ha fermato la sua voglia di vita, l’entusiasmo, il bisogno di esserci e farsi sentire.

Del suo incidente di percorso Noria Nalli ha fatto qualcosa di molto buono, sdoganando una malattia che – come tante – fa paura e di cui si parla sempre con un certo imbarazzo. Lo ha fatto con sensibilità e ironia, da donna profonda e intelligente qual è, aprendo uno spazio di riflessione, condivisione e umorismo (anche): "Sclerotica" rappresenta il tentativo, perfettamente riuscito, di dare voce e visibilità a chi non intende restare spalmato al pavimento.

"Avventure semiserie delle mie gambe" è il viaggio, tra il serio e lo scanzonato, nelle esperienze fisiche, sensoriali e emotive di Noria – proprio a partire dalle sue gambe. Un viaggio tra i ricordi, ma anche la prospettiva del suo presente. Un libro che fa sorridere, commuovere, riflettere.

La blogger ironica e trasgressiva di "Sclerotica" ci trascina in un vortice di emozioni che, loro sì, fanno lo sgambetto alla malattia, che viene messa all’angolo dalla pura voglia di vita di Noria e di tutti quelli che la seguono. "

Oggi vi segnalo anche Il trono di flebo:

Una manciata di racconti brevissimi, delle istantanee di vita quasi tutte al femminile. La disabilità è il tema ricorrente, ma non è altro che uno spunto per cogliere situazioni, attimi di poesia. La storia delle badante che parlava con i fantasmi, la grazia del principe Ivan o la visione immaginaria di una Mia Farrow con le stampelle in fondo sono proprio delle poesie in forma narrativa. Come ha detto il giornalista di Invisibili, il blog del Corriere della sera sulla disabilità, Antonio Giuseppe Malafarina, l’arte poetica è uno dei mezzi di espressione che si addicono di più nel raccontare la disabilità in modo non pietistico.
Le donne di cui parla Noria sono moderne, coraggiose e disincantate. Nonostante la disabilità, non necessitano di un uomo al loro fianco per esprimersi. Sanno individuare il posto che preferiscono, che può anche essere un trono scherzoso, fatto di flebo, ma serve a individuare la loro centralità, la capacità di affrontare al meglio le situazioni. Anche l’autrice ha saputo trasformare la sua realtà un po’ difficile in arma di riscatto. La forma del racconto molto sintetico è quella che ha permesso a Noria Nalli, ancora ricoverata per un attacco di sclerosi multipla, di passare dal giornalismo alla narrativa, con quei “Ritratti di corsia” che hanno segnato l’inizio della collaborazione con La Stampa, ma anche della sua attività di scrittrice. Ha scoperto che ritagliando istantanee, si possono esprimere delle verità o almeno delle emozioni vive e sincere. Fatevi rapire dalle parole e dalle immagini, Non ve ne pentirete!

  • Formato Kindle

    Dimensioni file: 7733 KB

  • Lunghezza stampa: 62

  • Golem Edizioni (3 agosto 2017)
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook