Dario Russo
Babele
18 Ottobre Ott 2018 0809 18 ottobre 2018

Casinò online: ecco chi investe davvero

Casino 3147951

Se il business dei giochi illegali su internet va giù, quello dei casinò online regolarmente iscritti all’AAMS pare crescere senza sosta ed ovviamente veder aumentare le proprie entrate è diretta conseguenza del denaro investito nel proprio progetto.

Su internet, giorno dopo giorno, fioriscono nuove attività imprenditoriali costituite per produrre reddito da utenze attive che si aggirano su cifre a sei zeri. Cosa significa? Che il web fa soldi sui grandi numeri: una piattaforma che abbia pochi utenti a parteciparvi è destinata a fallire e con “molti utenti” si deve intendere un arco numerico che abbracci dalle centinaia di migliaia al milione e oltre.

E quale attività fa numeri da capogiro e intercetta pubblico di tutte le età macinando soldi senza sosta e, soprattutto, da sempre? Il gioco d’azzardo. L’immediatezza del web permette un rapido esborso di denaro e la percezione di non star spendendo il proprio denaro. I principali portali dedicati ai casinò virtuali sono attivi non solo sotto il profilo dell’utenza, a favore dunque dei giocatori, ma il contesto in cui spiccano è nella competizione aziendale che li vede testa a testa per accaparrarsi la fiducia dei suddetti utenti. In testa ai requisiti, prima di tutto, la sicurezza: il portale italcasino.net, ad esempio, fornisce una lista di spunti per far riferimento ai casinò di betting online riconosciuti dai monopoli di stato e sicuri sotto il profilo dei controlli regolari sulla licenza e la trasparenza nel gioco e nella comunicazione.

Il web premia i grandi

Per fortuna a fare da garante non vi è solo la Legge (che ci aspetteremmo claudicante su qualche punto) ma anche Google e la sua supervisione e vigilanza sui temi da portare in alto nelle pagine di ricerca: il web premia i grandi, voglio ripeterlo! Diventare trovabile, diventare riconosciuto dai motori di ricerca e rispondere alle domande degli utenti che stiano cercando una piattaforma di gioco sicura è frutto del merito reale che in qualche modo quella piattaforma abbia riscosso dai propri utenti.

Ecco spiegati i grandi investimenti in termini sicurezza, posizionamento e numerose altre variabili che giorno dopo giorno concorrano a rendere un sito affermato ma soprattutto riconosciuto.

I dati, anche in questo senso, non mentono:

Il gioco ha una percentuale di penetrazione sul totale delle entrate dall’online pari a oltre il 60% con operatori come KindredGroup, LeoVegas e Global Gaming che toccano la soglia del 70%. La crescita più significativa sui ricavi nel secondo trimestre 2018 – se confrontata al secondo trimestre 2017 – è stata registrata proprio da Global Gaming con il +133% (non esattamente numeretti), seguita da LeoVegas con il +76%. I profitti del primo semestre dell’anno, invece, dicono +181% per Global Gaming, +76% per LeoVegas, +65% per Catena Media, +49% per Lotto24, +33% per Kindred.

Da dove proviene il profitto

L’offerta nei confronti dei giocatori è il fulcro su cui verte il discorso, le lobby di gioco online investono e portano i propri utenti a far che? Quali sono i giochi più produttivi? Le slot si confermano mainstream all’interno delle suite dei casinò online inglobando l’83% dell’intera offerta (tendenza probabilmente analoga all’offline), bingo e giochi da tavolo si attestano entrambi intorno al 6%. Ruolo di minore importanza in termini di gioco rivestono le scommesse sportive, che - per quanto imprevedibili - non godono della stessa reputazione gambling che invece spetta ai casinò online tradizionali.

Come ci si sponsorizza

Social Network e piattaforme di condivisione e streaming si confermano i canali preferenziali per le aziende di gioco online per raggiungere gli utenti: per quanto riguarda Facebook, giusto per avere il polso della situazione, la crescita dei “like” per gli operatori e le loro pagine è aumentata del 2% nel terzo trimestre del 2018. I motori di ricerca rappresentano un altro importante mezzo per giungere al cuore dei consumatori: ricordiamo che un utente a cui venga proposto qualcosa sarà molto meno predisposto ad accettare l’offerta di uno che in realtà la stia cercando e venga “intercettato” da una buona strategia di posizionamento.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook