Daniele Grassucci
Dopo Skuola
20 Ottobre Ott 2018 1157 20 ottobre 2018

Razzismo, parlano i teenager: l’Italia è un paese tollerante?

Razzismo

E’ uno dei temi più dibattuti degli ultimi tempi, con cui si sono confrontati politici, intellettuali, studenti, lavoratori, giovani e adulti. Mancavano però all’appello gli adolescenti, i cittadini di domani. A colmare il vuoto ci ha pensato una ricerca condotta da Skuola.net, in occasione della prima puntata di “Generazione Giovani”, il programma di carattere sociale, in onda dal 21 ottobre tutte le domeniche alle 10:00 su Rai2. Oltre 10mila ragazzi tra i 13 e i 18 anni hanno espresso il proprio punto di vista sull’argomento. Facendo emergere alcuni interessanti spunti di riflessione.

La percezione del fenomeno aumenta con l'età

Per le nuove generazioni il nostro è un Paese tendenzialmente xenofobo: lo dice il 63% del campione. Ma è un giudizio che si consolida con la maturità. I 13enni, infatti, sono spaccati a metà sulla questione: il 53% vede un’Italia intollerante nei confronti dello straniero, ma il 47% non avverte il problema. Ma poi, man mano che si cresce, le cose cambiano: già a 14 anni il 60% dice che siamo un popolo che discrimina l’altro; a 15 anni si arriva al 65%; a 16 anni al 67%; a 17 anni al 70%.

Le politiche migratorie? 7 su 10 le bocciano

Numeri che ritornano anche quando si affronta un argomento collegato: la gestione dei flussi migratori da parte delle istituzioni. Mediamente, 3 adolescenti su 10 – il 29% - approvano l’operato delle varie forze politiche sulla questione ‘immigrazione’: per il 20% è stato ‘buono’, per il 9% ‘molto buono’. Ma gli altri (71%), lo bocciano: per il 46% è un tema su cui si è agito ‘male’, per il 25% ‘molto male’. Anche qui, però, l’età incide parecchio: a 13 anni i giudizi positivi salgono al 37%, a 18 anni crollano al 27%.

Indovina chi viene a cena?

E se fossero gli stessi ragazzi a essere chiamati a dover gestire i rapporti con una persona dal colore di pelle diversa dalla loro? Il test a cui sono stati sottoposti è il più classico di tutti: “Presenteresti ai tuoi genitori un fidanzato o una fidanzata di colore o di origine straniera?”. Ebbene, i risultati sono in linea con quanto detto in precedenza: circa 3 su 4 – il 76% - lo farebbe senza esitazioni, il 24% eviterebbe. Con la solita divisione in fasce d’età: tra i 13enni solo il 69% se la sentirebbe, tra i 18enni si arriva all’83%.

Gli studenti stranieri la pensano allo stesso modo

L’Italia, però, è una nazione ricca di studenti stranieri. Circa il 10% degli alunni che frequentano le nostre scuole hanno origini lontane dai nostri confini. Qual è la loro opinione? Si scopre che il loro pensiero non è così differente: anche per il 67% degli oltre mille ragazzi stranieri intervistati, l’Italia è un Paese razzista. Ma non temono lo scontro culturale: l’81% presenterebbe ai propri genitori un fidanzato o una fidanzata di origine italiana.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook