Elisabetta Favale
E(li's)books
23 Ottobre Ott 2018 2110 23 ottobre 2018

Dagli States: Friday Black di Nana Kwame Adjei-Brenyah. Anticipazione

7E0B8EF5 EF50 4DB0 963F 0E7571A39FAA

Nana Kwame Adjei-Brenyah ha debuttato negli Stati Uniti con una raccolta di racconti intitolata Friday Black. In Italia arriverà in primavera con Sur.

Ho letto di questo libro sulla newsletter del New York Times e mi sembra promettente...

C’è un commesso che lavora in un negozio di un centro commerciale e con grande tranquillità lancia, sulla folla impaziente di comprare, vestiti. Senza scomporsi guarda tutta quella gente ammassarsi, lottare e calpestare chi non è abbastanza forte da reggere l’impatto.

Una mattanza!

Chiaramente è una critica neppure troppo velata al consumismo sfrenato, tuttavia, ci assicura il NYT, l’ironia e la satira è talmente efficace che ogni dettaglio della narrazione, anche il più assurdo, diventa credibile.

L’autore ha lavorato in un negozio di abbigliamento in un centro commerciale, come il suo personaggio, ha visto lui stesso persone calpestare altre persone durante il Black Friday pur di accaparrarsi un capo di abbigliamento.

“Come fai a decidere di calpestare una persona per avere un paio di jeans?” Si domanda ancora!

La maggior parte delle storie sono ambientate in posti come centri commerciali, parchi a tema, ospedali, biblioteche ecc. e sembra, dal poco che ho letto, che Nana Kwame Adjei-Brenyah rende tutto decisamente surreale e disorientante.

Insomma, chi vuole esercitarsi con l’inglese come me può approfittare e leggere la versione in lingua originale altrimenti basta aspettare la primavera!

Nana Kwame Adjei-Brenyah - Friday Black

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook