Maurizio Sgroi
il Cronicario di Crusoe
30 Ottobre Ott 2018 1435 30 ottobre 2018

Italia Zero, la meglio tivvù del dolore

Tv

Proverbio del 30 ottobre Non puoi andare in paradiso se non muori

Numero del giorno: 0,2 Crescita % Pil nell’Eurozona nel IIIQ 2018

Per un attimo penso che l’Istat si sia sbagliata, mentre guardo il grafico che correda la gustosa release della stima flash della nostra crescita nel terzo trimestre.

Perché il terzo trimestre c’è ma non si vede. Covo un paio di secondi di dubbi e poi capisco la finezza. Il terzo trimestre congiunturale c’è ma non si vede per la semplice ragione che non si vede perché c’è. Tutto chiaro.

La prosa dell’Istat, poi, è sublime. “Nel terzo trimestre del 2018 la dinamica dell’economia italiana è risultata stagnante, segnando una pausa nella tendenza espansiva in atto da oltre tre anni”. Agli ottimisti in servizio permanente effettivo farà piacere sapere inoltre che il tasso di crescita tendenziale, ossia l’andamento rispetto al terzo trimestre di un anno fa si è abbassato dal +1,2% del trimestre scorso a +0,8 e che la crescita acquisita per il 2018, ipotizzando un altro zero congiunturale il prossimo trimestre è l’1%, alla faccia dell’1,2% ipotizzato nel Def del governo delle meraviglie.

Sarà. Intanto Italia Zero manda in onda la meglio tivvù del dolore. Manco il tempo di digerire la release, dove si annidano perle come questa (“Dal lato della domanda, la stima provvisoria indica un contributo nullo sia della componente nazionale (al lordo delle scorte), sia della componente estera netta”) che la borsa, timidamente positiva a inizio mattina, s’affossa mentre lo spread, che ieri aveva abbassato le penne intimorito dalla testuggine si riporta a 300 e poi li supera. E siamo solo a metà mattina.

La testuggine, insolitamente taciturna, barcolla ma non molla, neanche quando, sempre l’Istat, pubblica un’altra release dove si certifica lo stato depressivo della nostra industria. Come se non bastasse il fatto che la produzione industriale calante ha già rallentato il pil trimestrale, ora viene fuori pure che la fiducia delle imprese è in calo. Quella dei consumatori no, però. Sarà sicuramente merito del reddito di consumanza. Sia come sia, dall’assise confindustriale s’impenna indignata la voce del Mega Presidente Galattico che dice al governo che è tutta colpa sua.

Finita? Macché. E’ pure giornata di aste, sempre perché la sfiga ci vede benissimo. E anche quelle vanno che è una meraviglia. Per la gioia delle molte teste d’uovo (sodo) che campeggiano nei dintorni del governo, i tassi sui titoli a 5-10 anni sono aumentati al massimo da quasi cinque anni, così finalmente i cittadini potranno guadagnarci qualcosa a comprare i titoli di stato.

Finalmente a una certa ora la tregenda spinge il nostro premier avvocato dei cittadini a difendere il governo, spiegando paziente che loro avevano previsto lo stop e per questo hanno predisposto una manovra espansiva, anche del deficit. A proposito, il 2,4% non si tocca, al massimo non si supera. Non pago, interviene anche il vicepremier uno e bino, che ovviamente non poteva far mancare la sua perla di saggezza. “Vedrete che con la ‘manovra del popolo’ non solo il Pil, ma anche la felicità dei cittadini si riprenderà”.

Vabbé, ma che se succede se poi il pil cresce meno del previsto? Lo scoprirete qui, su Italia Zero, dopo la pubblicità.

A domani.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook