Francesco Fravolini
Notes da (ri)vedere
31 Ottobre Ott 2018 0924 31 ottobre 2018

Le nuove tecnologie per la manutenzione dei beni culturali

Giovani E Arte

La gestione dei beni culturali assume una fondamentale importanza in un Paese come l'Italia, dove sono presenti diverse testimonianze storiche, artistiche e culturali. Non dimentichiamo il valore aggiunto perché può diventare una professione quando si pensa alle tecnologie studiate per gestire questo patrimonio culturale. Per comprendere le diverse sfaccettature dell’innovazione nella gestione dei beni culturali, nell’arte e nel design si svolgerà Weekend of Startups, in programma da venerdì 9 a domenica 11 novembre 2018, evento organizzato dalla John Cabot University (JCU), fra le principali università americane in Europa, con sede nel cuore di Roma, a Trastevere. A questo appuntamento partecipano circa 100 persone, fra studenti universitari, sia della JCU sia di altri atenei europei, e giovani imprenditori, per competere in una gara di creatività, supportati da mentori, docenti, esperti, coach.

I contendenti presenteranno in pubblico, in un tempo stabilito, la propria idea innovativa d’impresa nei settori dell’arte, del design e dei beni culturali. A seguire, intorno alle dieci proposte giudicate migliori e con maggiori possibilità di concretizzazione, saranno organizzati dei team con l’obiettivo di elaborare progetti veri e propri. Sarà data molta attenzione anche all’aspetto sociale. Nel corso del week end, il romano Mauro Pallotta, celebre artista di strada conosciuto come MauPal, sarà all’opera per realizzare un grande dipinto che sarà svelato al pubblico il giorno conclusivo della manifestazione, domenica 11 novembre.

Con Sabrina Zuccalà, amministratore Unico 4ward360, vogliamo conoscere le diverse frontiere dell'innovazione tecnologica studiata per la manutenzione dei beni culturali. È bene ricordare che questo settore è uno straordinario volano economico per l'Italia; diventa necessario comprendere le diverse tecnologie realizzate per una corretta gestione e per un'attenta conservazione del patrimonio culturale italiano.

Quali strumenti per l'innovazione tecnologica sono a disposizione?

La nanotecnologia oggi rappresenta lo strumento per eccellenza più innovativo nell’ambito della conservazione dei beni culturali, difatti oggi le Istituzioni si stanno aggiornando e sempre più spesso richiedono interventi con i nanomateriali.

La ricerca in che ambiti si sta muovendo?

Oggi il mondo si sta muovendo verso il Bio, quindi noi studiamo e ci approcciamo solo ed esclusivamente alla ricerca di materiali assolutamente ecologici, ed immettiamo sul mercato solo formulati che rispecchiano perfettamente le richieste del mercato.

La Nanotecnologia in che modo aiuterà la manutenzione dei beni culturali?

Grazie all’utilizzo dei nano materiali, la manutenzione nel settore beni culturali e non solo, viene abbattuta, questo porta un notevole risparmio sia in risorse economiche sia nel tempo da impiegare.

Francesco Fravolini

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook