Francesco Giurato
Automotive Inside
6 Dicembre Dic 2018 1956 06 dicembre 2018

La motocicletta è già e sarà sempre più esclusiva

063 1075150506
BMW Moto

La kermesse Milanese anche quest’anno ha riservato agli appassionati uno spettacolo di alto livello, seppure lontano dagli anni in cui ogni costruttore presentava diverse novità prêt-à-porter, oltre a diverse proposte show, che rappresentano le idee, gli studi, il mercato che verrà.

Il vento caldo del deserto continua a portare con sé numerosi elementi di novità, come per esempio Yamaha con il suo Tènèrè 700, che certamente caratterizzeranno la prossima stagione di vendita.

Continua la tendenza Vintage - non solo nelle moto- dove ogni costruttore offre nei suoi listini almeno una proposta: da Kawasaki a Honda e su tutte la Suzuki. La casa giapponese infatti catalizza l’attenzione con il remake della mitica Katana. I Brands premium offrono famiglie di prodotto a tema, da BMW a Ducati.

Il Mercato tuttavia è fatto di immatricolazioni: Negli ultimi anni il mercato con i suoi alti e bassi è molto cambiato, nonostante i volumi non siano particolarmente importanti rispetto ai picchi raggiunti negli anni buoni.

L’incidenza delle grandi cilindrate è in costante crescita

Se prendiamo le ultime 5/6 stagioni, la morfologia del mercato cambia. L’incidenza delle grandi cilindrate sopra ai 1000 cc è in costante crescita: oggi siamo in proiezione sopra al 25%; il rapporto fra moto e scooter è sostanzialmente stabile la quota scooter incide per il 60% e la tipologia è lineare.

Per quanto riguarda il mercato della motocicletta, entrano nuovi attori come Benelli a scapito di altri marchi. E’ evidente lo spostamento del pubblico sulle cilindrate più alte.

Vince chi negli anni ha lavorato sul Brand, sulla gamma, con logiche premium e oggi può offrire ai consumatori una esperienza di acquisto e di utilizzo migliore, più emozionale, ricca di servizi e opzioni.

Vince nei margini e nell’immatricolato. Basti pensare che il 40% del mercato delle maximoto, sopra i 1000 cc, è appannaggio di due soli marchi che si chiamano BMW e Ducati.

Perde chi questi aspetti non li ha considerati: i marchi generalisti, ancorati a logiche di fabbrica “di pezzi prodotti” e solo di quello.

Il Mercato - e mi riferisco a quello domestico che è un buon parametro per misurare la tendenza europea, quindi dei mercati evoluti - oggi vede nuovi indiscussi protagonisti rispetto al passato. Questi protagonisti sono BMW su tutti ma anche Ducati e Harley Davidson, a scapito di tutti gli altri.

Basti pensare che la Supersport più venduta è la Ducati Panigale V4.

A Milano ho visto la consacrazione dei marchi premium che hanno conquistato in maniera definitiva il mercato delle maximoto e stanno ipotecandone il futuro.

In futuro Il mercato due ruote si dividerà i due parti quanto mai distinte: Motociclette e Mobilità .

Pochi marchi premium catalizzeranno l’attenzione dei motociclisti : gli amanti delle supersport attingeranno ai ricchi cataloghi degli atelier della Motor Valley, i mototuristi soddisferanno i loro palati cibandosi di prelibati piatti bavaresi …

La mobilità sarà garantita da una serie di soluzioni di trasporto personale, fra i quali gli scooters con soluzioni propulsive diverse. La loro sopravvivenza e il loro numero dipenderà dalle normative sempre più stringenti in materia di sicurezza.

Potrebbe crearsi - e qui siamo nel fanta mercato - una sostanziale differenza anche in termini di distribuzione. I marchi generalisti potrebbero puntare sulla mobilità con veicoli di fascia medio bassa, con linee di prodotto coerenti, e aggregando nuove tipologie di veicoli: su tutti le e-bike.

Nuovi articoli, che porterebbero sostenibilità a una tipologia di punto di vendita che deve essere molto presente sul territorio, perché necessita di facile reperibilità anche con superfici ridotte.

Ai marchi Premium, i Flag-ship con vetrine importanti per design e posizionamento, e concetti di servizio molto avanzati: l’alto di gamma è la motocicletta dei prossimi anni.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook