Maurizio Sgroi
il Cronicario di Crusoe
17 Dicembre Dic 2018 1642 17 dicembre 2018

Nel paese della manovra di Babbo Natale

Santa Claus

Proverbio del 17 dicembre Se vuoi apprendere la verità comincia dall’alfabeto

Numero del giorno: 100.000.000 Base d’asta per gara sul Superenalotto

Siccome l’inverno sta finendo a un anno arriverà (semicit.) ora vi beccate una mezza dozzina di post natalizi prima che il Cronicario chiuda bottega e si dia alla pazza gioia gozzovigliando fino all’obesità da qui all’epifania.

E il primo post di questa settimana dedicato a Babbo Natale prende spunto da una meravigliosa ricerca universitaria su Babbo Natale (non c’è niente da ridere è verissimo), secondo la quale i bambini smettono di credere al vecchio barbuto intorno agli otto anni, quando un po’ per colpa dei genitori, che magari si fanno sorprendere mentre pietiscono uno sconto al negozio, un po’ perché crescendo si diventa adulti…

ebbene si: succede anche questo..insomma, per una serie di ragioni Babbo Natale diventa papà Natale, finché non rimangono che papà e/o mamma che fanno i regali di Natale. Finita la magia, si entra nell’età adulta. Si apprende la scarsità. Che non ci sono risorse infinite. Soprattutto si capisce che bisogna fare delle scelte. Comincia l’economia politica.

Bisogna pure fare i conti con il turbamento, che secondo l’università britannica, colpisce un terzo dei bambini che scoprono che Babbo barbuto non esiste. Un 15% si sente addirittura tradito e il 10% si arrabbia. “Per molti questo passaggio ha minato la fiducia negli adulti”, scrivono i ricercatori.

Capirete, è stata un rivelazione. Questo meraviglioso studio mi ha chiarito l’arcano comportamentale dei numerosi sostenitori del governo del cambiamento che in questi giorni stanno postando letterine di proteste alquanto acide sui soliti social.

Ma soprattutto mi ha svelato un dettaglio alquanto sorprendente, visto che fino a ieri mezzo paese credeva al deficit che si finanzia da solo e che il debito pubblico non è un problema perché è di tutti e perciò di nessuno. Viviamo in un paese dove un sacco di gente con età a due cifre guarda al governo come se fosse Babbo Natale, al quale evidentemente non hanno mai smesso di credere. Purtroppo i bambini intorno agli otto anni non votano.

A domani.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook