Alessandro Paris
Margini
21 Dicembre Dic 2018 0737 21 dicembre 2018

Memoria d'infanzia

Dutoh SS Xca Uej BS

Nel bar di fronte alla banca si sentiva profumo di cornetti e cappuccino, una signora - mezza pazza - ma che sorrideva sempre e aveva i capelli corvini e crespi mi salutava chiamandomi per nome mentre mi porgeva la treccia che intingevo nella tazza.

Mio padre compilava la schedina mentre io dettavo a caso: 1, 2, X. Lazio in casa, sempre 1. Per lo più usciva X.

Una volta facemmo 11.

«Ora quel mondo è finito: Poi, da un giorno all'altro ti ritrovi a cinquant'anni, e l'infanzia o quel che ne resta è in una piccola scatola, che è pure arrugginita». (Il favoloso mondo di Amélie)

Forse è un po' vero anche con il Totocalcio, quando scopri che il governo ha deciso che non ci si potrà più giocare.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook