Giambattista Scirè
Trasparenza e Merito. L'università che vogliamo
11 Gennaio Gen 2019 1308 11 gennaio 2019

Università, i concorsi truccati trionfano e la politica continua a far finta di niente

Aula

Se negli atenei italiani insegnano persone prive dei requisiti per farlo un motivo c'è, ed è risaputo da tempo: gli esiti dei concorsi sono stabiliti a tavolino. L'associazione Tra-me cerca da tempo di opporsi a questo sistema. Ma la politica fa finta di nulla, e ancora una soluzione non c'è.

Può mai un candidato con meno titoli, oppure uno non provvisto neppure del dottorato di ricerca o abilitazione scientifica nazionale o ancora con curriculum scientifico non congruo al settore messo a bando, vincere un concorso a cattedra e insegnare all’università? Se l’ateneo è italiano la risposta è sì. Benvenuti ad àtisrevinu, il paese dell’università al contrario.

Tanta elasticità di vedute però non ha convinto alcuni candidati risultati sconfitti a questi concorsi, i quali prima individualmente, poi insieme, dando vita ad una associazione chiamata “Trasparenza e merito. L’Università che vogliamo” (acronimo Tra-me), hanno deciso di contrapporsi ad un sistema familistico, nepotistico, clientelare, molto spesso corrotto e in alcuni casi che agisce con metodi mafiosi, i quali si sono rivolti alla giustizia amministrativa ed hanno fatto alcune pesanti denunce penali. E si dà il caso che non abbia convinto neppure i giudici di Tribunali amministrativi regionali, Consiglio di Stato, Tribunali penali di varie città d’Italia, che hanno accolto con sentenze definitive, con rinvii a giudizio, i vari ricorrenti e denuncianti, definendo “illogica”, “irragionevole” e “illegittima” la valutazione delle varie commissioni, parlando di reati pesanti come “conflitto di interesse”, “abuso di ufficio”, “falso ideologico”, “concussione”, e allertando, in alcuni altri casi, la procura della Corte dei conti per ingente danno erariale.

Ma chi può interferire all’interno del santuario del sapere per eccellenza ovvero gli atenei? Dal Medioevo ad oggi le università godono, sostanzialmente, di una autonomia pressoché totale: perciò le commissioni fanno puntualmente finta di eseguire la decisione dei giudici oppure in altri casi si costituiscono nuove commissioni che riconfermano l’esito senza scomporsi, costringendo i ricorrenti a nuovi estenuanti ricorsi, ovvero far vincere i candidati predeterminati. In alcune situazioni sono gli stessi atenei a commettere gli abusi fornendo gli assist alle commissioni che saranno chiamate a valutare, o meglio i dipartimenti che mettono a bando i posti, costruendo bandi di concorso “sartoriali” o “fotografia”. Bandi che, come hanno stabilito le recenti sentenze, sono illegali perché non conformi agli articolati della legge Gelmini che regola il reclutamento universitario. I giudici, in alcuni casi, ci sono andati giù duro, ricordando ai vari rettori che “la pubblica amministrazione ha l'obbligo di soddisfare la pretesa del ricorrente vittorioso e di non frustrare la sua legittima aspettativa con comportamenti elusivi.”

La verità è che nell’Università italiana i concorsi universitari sono già (quasi) tutti decisi prima dell’esito. Si sa sempre, in buona sostanza, chi sarà il vincitore. Gli altri candidati, in particolare i più preparati e titolati, o non partecipano per non creare problemi, oppure se partecipano sanno già che non vinceranno e che dovranno aspettare, buoni e zitti, ognuno il proprio turno. Chi si ribella a questa regola non scritta sarà tagliato fuori per sempre.

Alcuni parlamentari, nel corso di questi ultimi anni, si sono fatti promotori di interrogazioni e interpellanze, e si sono lasciati andare a dichiarazioni anche pesanti nei confronti di questi metodi, commentando senza mezzi termini: “Si tratta di un caso inaccettabile e agghiacciante” oppure “Questo caso va al di là di ogni fantasia. Il confronto tra i due aspiranti è assolutamente improponibile” oppure ancora “Il comportamento del rettore è assolutamente censurabile”. Mentre perfino alcuni docenti, di fronte a situazioni paradossali, per le quali era impossibile negare l’evidenza, si sono espressi con parole che lasciano intravedere imbarazzo e nervosismo, del tipo “di una tanto grave quanto incomprensibile disattenzione è auspicabile rimediare per la stessa dignità del lavoro universitario”.

Può mai un candidato con meno titoli, oppure uno non provvisto neppure del dottorato di ricerca o abilitazione scientifico nazionale o ancora con curriculum scientifico non congruo al settore messo a bando, vincere un concorso a cattedra e insegnare all’università? Se l’ateneo è italiano la risposta è sì

Anche la carta stampa e le televisioni, negli ultimi tempi, si sono mobilitate, in modo sempre crescente, con articoli e servizi, puntando il riflettore, davanti all’opinione pubblica, su comportamenti eticamente scorretti oltre che illegali. E da queste inchieste la realtà che ancora una volta balza agli occhi è che in Italia esistano zone assolutamente franche, come le università, in cui vengono sospese le norme giuridiche, le leggi morali e persino le regole del buon senso.

Se è pur vero che, da casi singoli come questi, gravi e molto diffusi, non si può fare di tutta l’erba un fascio, è altrettanto vero che le irregolarità perpetrate da docenti universitari colpiscono particolarmente perché la dove più alta e delicata è la funzione istruttiva svolta, maggiori sono le aspettative di moralità e di giustizia della gente comune. Che siano i docenti, quelli stessi che salgono in cattedra e che pontificano su regole, scienza e morale, e gli atenei a calpestare la qualità dei saperi, i gradi di competenza culturale, e perfino le regole stesse e le sentenze, addolora e colpisce più di ben altra comune scorrettezza.

Quali sono i rimedi che propone l’associazione? In realtà, basterebbero delle semplici modifiche alle procedure di reclutamento attraverso una proposta di legge: abolizione dei concorsi locali; sorteggio simultaneo delle commissioni con numero allargato a 7 membri; determinazione preventiva da parte del Miur, per ciascun settore, dei punteggi minimo e massimo, espressi in centesimi, per tutti i titoli e pubblicazioni previsti dal decreto ministeriale 243/2011 per ricercatore, da estendere anche alle posizioni di I e II fascia; rideterminazione, secondo un modello più automatico, dell’abilitazione scientifica nazionale; dare la possibilità ai vincitori del concorso di scegliere la sede di destinazione, sulla base della effettiva disponibilità di fondi ed esigenza didattica; penalizzazioni in percentuale sui fondi ordinari per gli atenei che si rendono colpevoli di non vigilare con i loro uffici sulle irregolarità (ad esempio il 5% in meno per chi propone bandi profilati, per chi non sanziona conflitti di interessi e illogicità di valutazione e non adegua le commissioni alle norme previste dall’Anac); sospensioni e multe pesanti per i commissari che si sono macchiati di irregolarità a livello di giustizia amministrativa o di reati penali ai concorsi.

Per far ciò Tra-me ha proposto anche l’istituzione di una commissione di inchiesta parlamentare sul reclutamento truccato. Il nuovo governo del cambiamento, e in particolare il viceministro Fioramonti, con deleghe all’università, sembrava aver aperto a queste richieste, ma dopo ormai quasi un anno dall’attivazione del nuovo Miur, nulla, neppure un atto concreto finora, è stato fatto per passare dalle parole ai fatti. Si tratta peraltro di provvedimenti a costo zero, quindi non ci sarebbe neppure la possibilità di negarli per ragioni di fondi o perché “ce lo chiede l’Europa”.

Pubblicato su "Linkiesta" il 10 gennaio 2018

https://www.linkiesta.it/it/article/2019/01/10/concorsi-truccati-universita-politica/40680/

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook