Maurizio Sgroi
il Cronicario di Crusoe
15 Gennaio Gen 2019 1505 15 gennaio 2019

Il debito aumenta, ma per fortuna anche le tasse

Debt

Proverbio del 15 gennaio Finché c’è fuoco in cucina arriveranno ospiti

Numero del giorno: 5,2 Tasso % disoccupazione nella zona Ocse a novembre

In tempi incerti come i nostri dobbiamo ritenerci molto fortunati ad essere fra i pochi dotati di straordinari centri di gravità permanente. Nel senso di gravi e permanenti, ma comunque centri. Quindi certezze intramontabili.

Vi risparmio l’elenco perché tanto sapete di che parlo. Mi limito agli ultimi due aggiornamenti che oggi la nostra Banca d’Italia ha lanciato nelle fauci ingorde del cronicario globale. Il primo: il debito pubblico a novembre ha toccato il suo nuovo record stagionale superando i 2.345 miliardi, circa 39 mila euro a testa se lo dividiamo per i 60,5 milioni di residenti.

Questo piccolo grande capolavoro di gestione della cosa pubblica lo si può apprezzare osservando questo grafico, che ha anche il pregio di farci sapere chi tiene in pancia questa montagna di carta.

E adesso che avete scoperto a chi dobbiamo un sacco di soldi, chiedetevi pure come facciamo a ripagarli, questi debiti con i loro salatissimi interessi. Vi do un indizio.

Sempre Bankitalia ci fa sapere che a novembre le entrate tributarie dello Stato sono state 39 miliardi, in aumento dell’8,7% (3,1 miliardi) rispetto al dato dello stesso mese del 2017. Casualmente, debito e tasse camminano a braccetto.

Dopodiché potete pure credere che il debito pubblico non esiste. Tanto è lui che crede in voi. Come il fisco.

A domani.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook