Elisabetta Favale
E(li's)books
22 Gennaio Gen 2019 1553 22 gennaio 2019

Lia Levi protagonista della docufiction di Rai 1. Figli del destino, in onda mercoledì 23 gennaio

Lia Levi

In onda su Rai 1, mercoledì 23 gennaio alle 21:25, Figli del destino: la docufiction che racconta la grande storia attraverso gli occhi di quattro bambini scampati alla Shoah, regia di Francesco Miccichè e Marco Spagnoli.

Il documentario farà rivivere le tragiche storie di Lia Levi, Liliana Segre, Tullio Foà e Guido Cava. Alle sorprendenti interpretazioni di piccoli attori talentuosi (Chiara Bono, Lorenzo Ciamei, Catello Alfonso Di Vuolo, Giulia Roberto) si alterneranno le testimonianze di chi quell'incubo l'ha vissuto a occhi aperti, nel lontano 1938.

A gennaio in libreria con:

Trilogia della memoria:
Una bambina e basta, L'albergo della Magnolia, L'amore mio non può


€ 12,90, pp. 448
Collana Le Cicogne

E/O editore

Il libro
Una bambina vede improvvisamente cambiare l’intero scenario di una tranquilla vita borghese, un professore di lettere classiche precipita nel baratro di una famiglia spezzata e di un figlio allontanato, una donna, rimasta sola dopo il suicidio del marito a crescere una bambina, deve affrontare un cammino di difficoltà e umiliazioni. Sono tutti destini a confronto sotto la stessa fosca cupola (le Leggi contro gli ebrei del 1938) quelli affrontati nei tre romanzi di Lia Levi, ora riuniti in un unico volume. Si tratta di Una bambina e basta (Premio Elsa Morante opera prima) che ha superato da tempo la decima edizione, dell’Albergo della Magnolia (Premio Moravia 2002) e dell’Amore mio non può, da cui Manuela Kustermann ha tratto un monologo teatrale.


L'autrice
Lia Levi, di famiglia piemontese, vive a Roma, dove ha diretto per trent’anni il mensile ebraico Shalom. Per le nostre edizioni ha pubblicato: Una bambina e basta (Premio Elsa Morante Opera Prima), Quasi un’estate, L’albergo della Magnolia (Premio Moravia), Tutti i giorni di tua vita, Il mondo è cominciato da un pezzo, L’amore mio non può, La sposa gentile (Premio Alghero Donna e Premio Via Po), La notte dell’oblio, Il braccialetto (Premio Rapallo) e Questa sera è già domani, vincitore del Premio Strega Giovani 2018. Nel 2012 le è stato conferito il Premio Pardès per la Letteratura Ebraica.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook