Vincenzo Maddaloni
Step by Step
28 Febbraio Feb 2019 1252 28 febbraio 2019

Lasciate fare agli Ayatollah, tutto il resto sono chiacchiere

Ayatollah
Il presidente iraniano Hassan Rohani con le spalle il ritratto della guida suprema Ali Khamenei

Mia intervista a Vision & Global Trends, sugli ultimi fatti nell' Iran sanzionato barbaramente da Trump. Il Paese è alle corde, peggio di così non potrebbe andare. Anche per l'Europa.

V & GT : A pochi giorni dalle celebrazioni del quarantesimo anniversario della Rivoluzione, il ministro degli Esteri è chiaro. Il presidente supremo Khamenei?

Vincenzo Maddaloni in miniatura con i linguaggi dei cavalieri che tanto eccitano i Byron e poi Chatwin, è agli antipodi del puritanesimo imposto dagli ayatollah. Che comunque viene tollerato, per qualche verso verso, nel tempo che si fa un'alternativa laica e popolare, che comunque non viene incoraggiata, se non perseguitata anche da quella parte del clero che si afferma moderata. Penso che sia Mohammad Javad Zarif sia stato sommerso dai rimbotti per venire ha condotto le trattative, sicuramente è stato rimproverato un eccesso di laicità nelle decisioni, che ha nuociuto all'immagine del paese. Zarif ha dichiarato che: "" Il veleno mortale per la politica estera e 'che la politica è una questione di lotta tra partiti e fazioni "(Lotta tra religiosi e fedeli impregnati di laicismo suonerebbe meglio).

V & GT : emerge dalle relazioni pubbliche di potere, la componente politica che emerge al di fuori emerge rafforzata dalle dimissioni di Zarif?

Vincenzo Maddaloni Quando lo intervistai, prima settimana prima dell'arrivo a Teheran di Khomeini, gli ho detto, perché non si sa bene, qualche domanda sul look del clero per conoscerne la gerarchia. Ricordo che deglutiva di continuo. ".

V & GT : Ci saranno cambiamenti radicali nelle relazioni internazionali tra Iran e Stati Uniti? E tra l'Iran ei principali paesi della Vite del Medio Oriente?

Vincenzo Maddaloni : "Credo che sia ancora la risposta dal ministro degli Esteri dimissionario Zarif. Alla Basler Zeitung, il quotidiano di Basilea, che è una domanda sulle controprove in caso di inasprimento delle sanzioni, il ministro ha risposto con una battuta dal sapore di minaccia : "Non svelerò i metodi: Trump ama la sorpresa? "L'annuncio di Trump e degli israeliani che sono in Iran", ha dichiarato: "L'allarme di Trump e degli israeliani che sono in Iran.

Articolo correlato: Trump minaccia e incassa e fiacca l'Europa

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook