Maurizio Sgroi
il Cronicario di Crusoe
20 Marzo Mar 2019 1407 20 marzo 2019

Da Mani pulite a Strade pulite

Mani Pulite

Proverbio del 20 marzo Chi apre gli occhi del cuore vede cose invisibili

Numero del giorno: 53,5 Percentuali di italiani che giudica grave l’infedeltà fiscale secondo Istat

E proprio mentre infuria l’enne-ennesima storiaccia di malversazioni all’italiana, l’Istat tocca una delle sue vette più sublimi regalandoci una ricognizione sul senso civico degli italiani.

Non c’è niente da ridere: è una cosa serissima. Siamo o non siamo il paese di Mani pulite? Quello del sacro sdegno contro i cattivoni che ci derubano del frutto delle nostre tasse? Si siamo noi. Ed eccoci qua, in chiaro e tondo.

Rileggete bene, per favore, tanto è breve. “Un quarto delle persone di 14 anni e più giudica la corruzione un fatto naturale e inevitabile, sei su dieci considerano pericoloso denunciarla, il 36 per cento inutile”. Però in compenso l’84% delle persone di 18 e più nel 2018 riporta di non gettare carte per strada, “in aumento rispetto al 2014”, sottolinea l’Istat evidentemente ispirata. Dopo vent’anni di Mani pulite, siamo arrivati a Strade pulite. Fra altri vent’anni chissà.

A domani.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook