Maurizio Sgroi
il Cronicario di Crusoe
30 Aprile Apr 2019 1438 30 aprile 2019

Facciamo pace (fiscale) adesso o anche dopo

Love

Proverbio del 30 aprile Il sapiente dubita della sua sapienza

Numero del giorno: 506.000 Famiglie che hanno avuto il Rei da gennaio 2018 a marzo 2019

Partire è come morire, lo sanno tutti. Perciò non stupitevi se tornando a casa dopo il lungo ponte avrete la sensazione di essere degli zombie. Anzi, siatene lieti: significa che siete intonati col resto del paese, che discute sempre delle stesse cose da alcuni decenni e continua a farlo.

Ve la faccio breve perché domani è di nuovo festa e mi stanco solo a pensarci. Stasera scadono i termini per la “pace fiscale”, nome social-edulcorato dell’ennesimo condono fiscale meglio noto come rottamazione-ter, che quindi ne evoca altre due già scontate. I bene informati ci fanno sapere che sono arrivate 1,3 milioni di domande, 800 mila delle quali avanzate on line e il resto agli sportelli.

Quest’ennesimo grande successo del governo del cambiamento, che fa il paio col milione abbondante di redditi di cittadinanza e i quasi 130 mila quotisti 100 che si preparano alla pensione, ci fa capire quanto siamo fortunati ad avere un governo così bene intonato con i bisogni autentici della cittadinanza.

Ora lo so che anche voi siete stanchi all’idea di un’altra festa domani e per giunta vi tocca pure sbrigarvi a fare quell’altra pratichetta pacificatrice, perché nel mezzo del ponte vi eravate dimenticati di quell’altro debituccio con Fisco non pagato. Ma non state a preoccuparvi. Vicepremier Uno (o Due fate voi) ha già detto che scaduto il termine di oggi, ne arriverà un altro. La pace prima di tutto.

Buon primo maggio.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook