Elisabetta Favale
E(li's)books
20 Maggio Mag 2019 1538 20 maggio 2019

Quando un uomo cade dal cielo di Lesley Nneka Arimah. Recensione

964B54C9 2182 4185 8083 9653F5F480EF

Avevo letto di Lesley Nneka Arimah sul The New Yorker (sono abbonata) senza però approfondire anche perché in Italia non era stato pubblicato nulla che la riguardasse, ci ha pensato SEM che ha portato in libreria Quando un uomo cade dal cielo, tradotto da Tiziana Lo Porto.

Quando un uomo cade dal cielo è una raccolta di dodici racconti, sono rimasta positivamente colpita da Lesley Nneka Arimah, le sue sono storie di donne e dei complicati intrecci di sentimenti e rapporti, storie ambientate negli Stati Uniti ma anche in Nigeria, il Paese di origine della famiglia dell’autrice.

Quello che ho trovato particolarmente interessante è stata proprio l’immagine che l’autrice ci propone della donne nigeriane, anche nelle storie più toccanti, quelle in cui troviamo i drammi sociali, politici, economici della Nigeria, quello che emerge forte è il carattere delle protagoniste, nei momenti più difficili, quelli in cui perdono, non mi hanno mai fatto pensare a vittime indifese, l’orgoglio, l’ardore di queste donne mi è arrivato chiaro.

Lesley Nneka Arimah ci propone rapporti famigliari sempre infelici, border line, madri e figlie che non riescono mai a capirsi, a incontrarsi, neppure nei sentimenti. L’impressione che ho avuto è che l’autrice voglia raccontare quanto il condizionamento sociale molto forte soprattutto in Nigeria, finisca per compromettere anche l’amore.

Le donne di Quando un uomo cade dal cielo sono antipatiche, sgradevoli, non fanno nulla per piacere al lettore e questo è l’altro pregio, secondo me, della scrittura amara di Lesley Nneka Arimah che riesce a fare un umorismo al vetriolo, racconta il peggio con una leggerezza che rende sopportabili storie tristissime.

Lesley Nneka Arimah ci racconta una Nigeria fatta di party di beneficienza, di famiglie benestanti, c’è poco spazio per gli stereotipi la sua Africa assume connotati tipici di un qualunque Paese europeo o occidentale in genere e al contempo diventa surreale, per definire lo stile dei suoi racconti io userei il termine “slipstream” più che realismo magico.

Il mio racconto preferito è Chi ci sarà ad accoglierti a casa

La bambina fatta di filo di lana durò un mese buono, emet­tendo gorgoglii secchi e morbidi come il cotone e facendo al posto della cacca palline di garza, prima di impigliarsi con una gamba a un chiodo senza che Ogechi se ne accorgesse. Prese a sfilarsi mentre lei continuava a camminare, confondendo i la­menti di un neonato che si disfa con i piccoli sbuffi della fame. Quando se ne rese conto, era troppo tardi, la gamba era un groviglio di fibra, e allora tirò il filo per il resto del tragitto in modo da chiuderla lì, e non far crescere la piccola storpia. Se doveva diventare una madre, trasformando, soffocando e met­tendo via parti di se stessa, la bambina doveva essere perfetta.”

E’ la storia di una maternità desiderata e negata, Ogechi vuole essere madre ma non può, lavora presso una parrucchiera e usa i capelli tagliati alle clienti per costruirsi delle bambine feticcio, pazza di dolore questa donna che vuole a tutti i costi colmare quel vuoto per lei insopportabile. Leggendo questo racconto mi sono venuti i brividi, mi ha fatto pensare alle più occidentali e consumistiche “ bambole reborn “ la protagonista di Chi ci sarà ad accoglierti a casa mi ha suscitato una pena immensa, Lesley Nneka Arimah porta il lettore in fondo alla sua solitudine e disperazione.

Tra le braccia aveva qualcosa che Ogechi non avrebbe mai immaginato potesse esistere se non lo avesse visto con i suoi stessi occhi: una bambina di porcel­lana, con un viso vitreo e levigato e un sorrisetto adorabile. Indossava un abito bianco ornato di gale, calzini coordinati e scarpe dalla suola morbida che non avrebbero mai toccato il pavimento. Solo una donna molto ricca e fortunata poteva riu­scire a tenere quella cosina intonsa per tutto l’anno necessario prima che la bambina diventasse di carne.”

Vi invito a leggere Quando un uomo cade dal cielo perché penso che sentiremo parlare a lungo di questa autrice, un esordio originale, una voce moderna che di sicuro saprà trovare un posto preciso nel panorama sempre interessante della letteratura afroamericana.

Quando un uomo cade dal cielo - Lesley Nneka Arimah- SEM (SOCIETA’ EDITRICE MILANESE)

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook