Maurizio Sgroi
il Cronicario di Crusoe
11 Giugno Giu 2019 1413 11 giugno 2019

Una rottamazione ci salverà

Rottami

Proverbio dell’11 giugno Il cammino del viaggiatore è tracciato dagli astri non dalle dune

Numero del giorno: 0,9 Calo % spesa reale della famiglie nel 2018

Allora: abbiamo il Primo Minestra che assicura “l’impegno del Governo a concordare con i partner europei un percorso credibile di riduzione del debito, nel segno della sostenibilità sociale e senza attuare manovre recessive”.

Poi c’è il ministro Mammamia, quello che si occupa (e non a caso) di economia che fa pure meglio: “Il Governo è determinato a centrare gli obiettivi adottando la dove necessario le iniziative adeguate per il loro raggiungimento”. Stime più aggiornate che “lasciano intendere che a consuntivo i saldi di finanza pubblica saranno sostanzialmente minori, pur a legislazione invariati, di quelli stimati in precedenza e risulteranno di conseguenza coerenti con quanto previsto dal braccio preventivo del patto di stabilità e di crescita”.

Ma soprattutto abbiamo Lui, VicePremier Unoemezzo: “Eviteremo la procedura di infrazione garantendo la crescita, il diritto al lavoro e il taglio delle tasse. Non ci sarà nessuna manovra correttiva e nessun aumento di tasse”.

Avendo la fortuna di essere governato da siffatti fenomeni, attendo spavaldo e speranzoso la prossima mossa del cambiamento, che, manco a dirlo, arriva a stretto giro. La commissione Bilancio della Camera riapre i termini della rottamazione delle cartelle esattoriali. C’è tempo fino al 31 luglio per chiudere quel debituccio, che sarà pagabile in 17 rate. Speriamo in minibot.

Dagli amici mi salvi Dio…

A domani.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook