Dario Russo
Babele
7 Agosto Ago 2019 0005 06 agosto 2019

Il digital in Italia vive a Milano

Milano Centro Direzionale

Il titolo è provocatorio ma rende l’idea.

Per chi mi legge con costanza sa che vivo a Napoli, anche se Napoli non è l’unico posto dove lavoro. Mi muovo costantemente dalla mia città verso Roma ma soprattutto Milano.

Paradossale. Il digital inteso a 360 gradi, ma più ancora il mondo del web marketing e dello sviluppo, godrebbero almeno in teoria della possibilità di mettere in pratica il cosiddetto concetto di smartworking. Certo, non posso lamentarmi, non sono soggetto ad orari di ingresso e di uscita, cartellini da timbrare e ferie da richiedere con due mesi di anticipo, tuttavia sono anche io, in qualche modo, schiavo di una città non mia.

Non c’è bisogno di rifarsi ad analisi ISTAT di vario genere, basta farsi un giro su LinkedIn: tutte le posizioni lavorative digital sono su Milano.

Ma cosa offre Milano più di tutte le altre città d’Italia?

Beh, se dovessi fare una constatazione di massima partirei con l’analisi delle infrastrutture. È notizia recente che anche Amazon AWS aprirà nel capoluogo lombardo e con lui probabilmente ci sarà un’avanzata di sistemi infrastrutturali che riempiranno la città. Stesso discorso per chi non ha costruito datacenter ma ha fatto della città il quartier generale italiano: Facebook e Google giusto per fare qualche nome; fanno comunque seguito tutte le aziende affermate in ambito nazionale e internazionale dentro e fuori dall’Italia, dalle fintech alle startup di qualsiasi genere, alle agenzie di comunicazione più note: tutti hanno una sede a Milano.

D’altro canto a Milano ci sono le università più filo-imprenditoriali, più inserite nel mondo del lavoro con corsi di laurea e specializzazione particolarmente vocati al posizionamento dei talenti in ambito digital. Ogni anno, da Milano, escono decine di masterizzati MBA che ricopriranno ruoli di tutto rispetto in aziende digital senza abbandonare la città dei navigli.

Anche io, non nascondo, ho pensato più volte di gettare le basi per qualcosa di concreto lì al nord. Prima di acquistare casa a Napoli ho più volte valutato quale fosse l’alternativa migliore per stabilirsi gradualmente lì.

Una marea di amici e colleghi, anche favoriti dai salari senz’altro migliori dei nostri nel sud Italia, ha saggiamente pensato di acquistare casa. Ad esempio, per trovare gli appartamenti in vendita a Milano, mi resi conto mio malgrado che il rapporto tra salari e costo delle case è assolutamente più equo che in alcune città del sud Italia.

Molte sedi di aziende tech non sono situate in zone notoriamente centrali o quantomeno vicinissime al centro storico, sono piuttosto in quartieri nuovi dove il costo al metro quadro degli appartamenti è notevolmente ridotto. Altro vantaggio: poter trovare casa e muoversi agilmente in metropolitana risparmiando ulteriormente sulle spese di trasporto e alloggio (non dovendo per forza cercare al centro, ricordiamo).

Milano, digital e giovani

Altra valutazione importante per chi voglia intraprendere la propria carriera nel mondo digital fuori dalla propria città, diretto verso Milano, è la compagnia: Milano è piena zeppa di giovani, lavoratori, studenti, modelli. È una città multiculturale che ospita persone provenienti da ogni dove. Gli aperitivi pomeridiani sono un must, anche un modo per staccare la testa dal flusso di lavoro intenso che ogni giorno riempie le menti dei suoi abitanti-lavoratori.

L’unico rischio è quello di sentirsi parte di un meccanismo unico, di una grandissima catena di montaggio in cui si corra il pericolo di essere spersonalizzati. In questo senso mi sento piuttosto tranquillo nel dare una pacca sulla spalla ai lettori più giovani e a chi abbia voglia di intraprendere questo percorso: lavorare in ambito digital, marketing, comunicazione, garantirà per sempre quel minimo di indipendenza di cui tutti abbiamo bisogno, quell’estero e quella creatività che ci contraddistinguono non saranno di certo oscurati dalla nebbiolina di una città del nord.

Per ora, ho scelto di restare a Napoli, ma mai dire mai.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook