Claudio Scaccianoce
Ipse Dixit
10 Settembre Set 2019 1928 10 settembre 2019

Le stelle di Capo Gelsomino

Capo Comino Panorama Rsz

218 pagine. So che ne esiste una versione ebook, ma la mia copia è cartacea. E’ più forte di me, i libri che voglio conservare devono avere una propria fisicità, una fisicità tangibile, devo poterli toccare ed essere certo di poterli riporre in uno spazio sicuro, in alto nella libreria, dove nemmeno i mie due gatti scalatori osano spingersi.

La mia copia è stata una delle prime ad essere stampate, l’ho acquistata in occasione della prima presentazione pubblica del volume. L’ho letta e l’ho messa via. Mi sarebbe piaciuto scrivere qualcosa di questo romanzo, ma temevo che le mie impressioni si sarebbero perdute tra le tantissime recensioni che sono seguite alle numerose presentazioni pubbliche di questa estate.

Ora che l’estate è quasi terminata ed a Milano si torna a respirare, tiro giù dallo scaffale Le stelle di Capo Gelsomino di Elvira Serra.

Elvira (la chiamo per nome perché ho il piacere di conoscerla personalmente) è una brillante giornalista del Corriere della Sera, barbaricina, carattere deciso ed intraprendente.

Se volete conoscere qualcosa in più di lei, attivate questo link e potrete leggere l’intervista che mi concesse lo scorso febbraio (https://www.linkiesta.it/it/blog-post/2019/02/25/camminavo-ad-un-metro-da-terra/27799/ ).

Elvira Serra

Solferino ha stampato questo libro in un formato maneggevole; si tiene bene in mano e si presta a seguirci in giro senza per questo dover prima vuotare mezza borsa per fargli spazio. La carta ha una bella consistenza ed una ruvidità piacevole. Il font è pulito e la dimensione del carattere è perfetta anche per coloro che iniziano a strizzare gli occhi per mettere a fuoco.

“Marianna era cresciuta spigolosa e indipendente, in modo inspiegabile e non facile da accettare”.

I personaggi.

Lulù, Marianna, Chiara. E già qui Elvira Serra ci mette in posizione di scacco, perché per poterle definire correttamente bisogna individuare un personaggio di riferimento e fare una scelta di campo. Per orientarmi mi rifarò alla scelta che inconsapevolmente subii quanto lessi per la prima volta questo romanzo.

Il mio personalissimo fulcro è Marianna, nella narrazione una brillante ed affermata ginecologa. “Marianna era cresciuta spigolosa e indipendente, in modo inspiegabile e non facile da accettare”.

Scelta Marianna è ora facile dire che Lulù è sua madre e Chiara sua figlia. Di loro torneremo a parlare tra poco.

Capo Comino

Diamo un’ambientazione al romanzo, partendo dal titolo: “le stelle di Capo Gelsomino”.

Inutile attivare Google Earth, questa località non esiste, il vostro motore di ricerca non la troverà mai. Eppure non stiamo parlando di un luogo di pura fantasia, ma di un tratto di costa che Elvira Serra ha tratteggiato riprendendo tutte le caratteristiche morfologiche e sentimentali di un lembo della terra di Sardegna che l’autrice conosce molto bene: Capo Comino.

Siamo nel comune di Siniscola, nella Barbagia di Nuoro, lungo la costa orientale della Sardegna. Alle spalle della lunga e bellissima spiaggia di sabbia bianca e finissima, si trovano le più grandi dune della costa orientale sarda; a sud il paesaggio cambia, presentando una costa rocciosa alla cui estremità orientale è situato un faro, in prossimità del capo da cui prende nome l'intera zona. A poche centinaia di metri dalla costa i resti di una flotta romana del periodo di Nerone, distrutta da una tempesta, vegliano silenziosi.

Chiara e Lulu’ sono legate da affetto e complicità.

Da questo luogo d’origine isolano Marianna e Chiara partono e tornano, facendo la spola tra una vita vissuta al passo con i tempi sul continente ed i ricordi ed i profumi della fanciullezza e della gioventù.

La trama; da me non la saprete mai. Come si dice oggi? Fare spoiler… non contateci proprio. Il costo del romanzo consente a ciascuno di acquistarlo, di leggerlo e di farsi coinvolgere, completamente o sino ad un certo punto, tirando in alcuni momenti il freno a mano.

Chiara e Lulu’ sono legate da affetto e complicità. Tra Marianna e Lulù sono le recriminazioni ad intaccare i lunghi silenzi. Un segreto familiare sarà la chiave di volta che armonizzerà la vita delle protagoniste mentre il tema della maternità sarà l’arcano che darà potenza, dolcezza, intimità, disperazione ed allegria al romanzo.

Un testo per donne? No. Un testo scritto da una donna, che penso che nessun uomo sarebbe stato in grado di scrivere allo stesso modo, forse nemmeno sotto dettatura. Un romanzo che immagino una donna possa assimilare con più genuinità e familiarità rispetto ad un uomo, ma che è anche alla portata del genere maschile.

Il libro torna sulla libreria, in alto, nello scaffale più complicato da raggiungere. E credo che vi rimarrà a lungo senza che io lo riprenda in mano. Di solito gli scritti che mi hanno coinvolto li ricordo bene, non serve tenerli a portata di mano. Il tempo scorre, se un giorno iniziassi a dimenticarlo - complice la memoria labile - lo cercherò e lo rileggerò.

A voi tutti, buona lettura.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook