Dario Russo
Babele
25 Ottobre Ott 2019 1510 25 ottobre 2019

Perché gli strumenti di rilevazione sono essenziali nel 2019?

Strumenti Di Rilevazione

L’evoluzione del settore studi, passa sicuramente dalle ultime notizie, dove una importante università online ha lanciato il primo corso di “ Influencer “, un settore che sicuramente ha attirato le attenzioni di golosi del successo e appartenenti al mondo del web marketing, anche se poi, all’atto pratico, non è poi così scontato uno sbocco reale sul futuro o comunque la realtà non è sempre così invitante,

Non è sicuramente il caso di altri corsi, basti pensare ai corsi di scienze che ogni anno posizionano in ruoli di alto stipendio numerosi neolaureata Italiani in tutto il mondo.

La passione per i dati

Al di là che tu sia un appassionato o meno degli strumenti di rilevazione, per individuare una perdita di gas, per misurare la durezza di uno o più metalli o per misurare quanto intensa sia la corrente elettrica di un impianto sono pur sempre essenziali.

Ciò ti consentirà di prevenire eventuali danni in fase di lavorazione, al quale spesso non si può rimediare. Per questo motivo è bene possederne qualcuno affinché si possano effettuare una serie di controlli, che permetteranno di monitorare e salvaguardare un ambiente chiuso o aperto che sia.

Quali sono gli strumenti di misura più noti

Innanzitutto è bene sottolineare per cosa si distinguono gli strumenti di rilevazioni e analisi cosiddetti non distruttivi. Quest’ultimi vengono identificati dalla sigle CND, PND, NDT e NDE.

Ognuna di esse ti consentirà di poter valutare l’integrità di un componente, un materiale e altre caratteristiche geometriche che difficilmente (se non impossibile) riuscirai a fare senza questi attrezzi.

Chiaramente gli apparecchi in commercio sono tanti, qualora volessi prenderne qualcuno in esempio potremmo sfruttare quelli di Vulcanoline:

  • Controlli non invasivi e non distruttivi: in questa categoria fanno parte gli strumenti più noti quali, rifrattometri, durometri, spessimetri ad ultrasuoni, termometri, dinamometri, rugosimetri, spessimetri per vernici e tanti altri.

  • Attrezzature per il settore elettrico: Multimetri e Pinze amperometriche ti aiuteranno a controllare, ispezionare e verificare una o più grandezze elettriche.

  • Meccanica di precisione: grazie agli attrezzi come il calibro per saldature, digitale o ancora i Blocchetti johnson pianparalleli, potrai comprendere e ottimizzare al meglio tutto ciò che riguarda la materia della “meccanica” che a sua volta produce i componenti che trovi nei macchinari agricoli, medicali o industriali.

  • Chiavi dinamometriche: all’elenco non possono mancare le chiavi per far sì che viti, bulloni e dadi siano avvitati e serrati come si deve.

  • Manometri: lo strumento permetterà di misurare la pressione di uno o più fluidi.

Perchè studiare scienze della terra nel 2019?

Con il passare del tempo, il settore relativo alla vulcanologia diventa sempre più importante. Così tanto che nascono sempre più business di nicchia (abbastanza profittevoli) incentrati per esempio, sulla vendita di determinati strumenti (come quelli elencati precedentemente).

Anche gli studi del settore sono molto competitivi, infatti le richieste presso le Università di tale disciplina sono in aumento. Effettivamente a convincere sempre più ragazzi a studiare scienze della terra sono i molteplici sbocchi lavorativi.

Ecco la lista di alcune attività professionali da poter intraprendere qualora tu abbia conseguito la laurea in Scienze Geologiche:

  • Geologo junior

  • Tecnico affidato al controllo dell’ambiente

  • Tecnico assunto presso i laboratori analitici

  • Rilevatore geologico

  • Disegnatore geofisico o di prospezioni

  • Tecnico minerario

  • Tecnico di museo naturalistico

  • Guida turistica di itinerari geo-ambientali, paesaggistici e geologici

Potresti essere interessato a studiare tali discipline? Non dimenticare di prendere i considerazione gli strumenti di rilevazione che ti occorreranno per svolgere questa professione. Se hai domande, commenta pure l’articolo.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook