Maurizio Sgroi
il Cronicario di Crusoe
29 Ottobre Ott 2019 1559 29 ottobre 2019

Il paradiso (fiscale) può attendere

Fuga Paradiso

Proverbio del 29 ottobre La fame è il sale di tutte le vivande

Numero del giorno: 9 Aumento in dollari del prezzo al kg in Usa parmigiano dopo dazi

E poco dopo lo scoccare del mezzogiorno, un geniale ministro consegna alle cronache la seguente perla di saggezza: “Il principio della lotta all’evasione è sacrosanto, credo che occorra partire evitando che in Europa ci siano paradisi fiscali in cui sia consentita l’elusione a grandi gruppi”.

Capito la finezza? Eliminare i paradisi fiscali in Europa. L’altra sporca dozzina che esiste in giro per il mondo – si stima che solo dalle Cayman siano rientrate alcune centinaia di miliardi negli Usa – si estingueranno di conseguenza, se solo noi europei facciamo la cosa giusta. Ossia “una lotta senza quartiere alla grande evasione, dove si può recuperare gran parte dell’evaso e dell’eluso con poche operazioni mirate”.

Come esempio viene citato il carcere agli evasori previsto nel decreto fiscale del governo italiano, che sicuramente debellerà il potere elusivo dell’Isola di Man o del Delaware.

Ma la cosa migliore è la conclusione. “Poi c’è una microevasione diffusa sulla quale si interviene in un modo chiaro, cioè abbassando le tasse”.

Capito l’antifona? I paradisi fiscali li dobbiamo cancellare perché fanno pagare meno tasse ai capitalisti. Mentre per i piccoli le tasse le deve diminuire il governo.

Quello fiscale attenderà di sicuro.

A domani.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook