Elisabetta Favale
E(li's)books
6 Novembre Nov 2019 1213 06 novembre 2019

Ahmet Altan è tornato a rivedere il mondo!

Ahmet Altan

Dopo 1138 giorni di carcere il giornalista e scrittore turco Ahmet Altan è libero.

Con il suo libro “Non rivedrò più il mondo” aveva visto radunarsi intorno alla sua vicenda lettori, amici, intellettuali di tutto il mondo, in tantissimi ad aspettarlo fuori per un abbraccio collettivo al quale mi unisco virtualmente.

E’ stato il tribunale d’Appello di Istambul a stabilirne la scarcerazione dal momento che la pena (per il presunto reato) è considerata scontata.

Il suo rilascio è stato una vera sorpresa dal momento che per lo scrittore e la collega giornalista Nazli Ilicak erano stati chiesti 10 anni di detenzione dall’accusa.

Il libro

Ahmet Altan è stato travolto dall’ondata di arresti che ha seguito, nel 2016, il fallito colpo di stato del 15 luglio contro Erdogan. Da allora è recluso in un carcere nei pressi di Istanbul. L’accusa a suo carico è di aver favoreggiato il golpe tramite «messaggi subliminali».

Nel febbraio 2018 il suo processo-farsa si è concluso con un’atroce sentenza: ergastolo senza condizionale. Non rivedrò più il mondo è il messaggio che Altan lancia dalla sua cella: è un testo breve, che contiene molti universi. È uno scioccante diario di prigionia, dall’irruzione della polizia in casa di Ahmet e del fratello Mehmet fino alla notizia della condanna a vita in regime duro. È una galleria di personaggi e incontri miserabili in cui l’ingiustizia prende corpo e volto. È un inno all’immaginazione e al suo potere di evadere dalle quattro mura che la costringono riconquistando aria e spazio. È un ragionamento di straordinaria lucidità sui concetti universali di vita, morte, tempo, destino. È un elogio della scrittura come forma irrinunciabile di dignità dell’individuo. Da un lato, c’è un «corpo in trappola», dall’altro «una mente che non si curava e rideva di ciò che sarebbe accaduto al corpo, si credeva intoccabile ed era intoccabile ». Le parole di questa mente che non si rassegna al silenzio, strappate al regime di massima sicurezza, colpiscono come sassi e lasciano una traccia indelebile.

Non rivedrò più il mondo - Ahmet Altan – Solferino editore (Traduzione di Alberto Cristofori)

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook