Elisabetta Favale
E(li's)books
16 Novembre Nov 2019 1835 16 novembre 2019

Personaggi indimenticabili: Meshulam Moskat

3B15B2A8 0823 4D18 A00D E9A6509BD892

Nei pomeriggi autunnali di pioggia mi capita spesso di riprendere in mano libri letti tanto tempo fa, lo faccio per vedere se, sfogliandoli, mi tornano ben in mente le storie.

Questo è un romanzo che mi è piaciuto tanto e più di tutto mi è piaciuto questo personaggio:

Il mio naso scende a becco sulla voce scontrosa, gli occhi hanno il colore di certe alghe e le sopracciglia si inerpicano aggressive per l’aria. Ma da lontano si notano solo i miei mustacchi e il pizzetto, e le guance incavate, e la fisionomia alta e magra della martingala. Se non fosse per i cernecchi e la pratica ortodossa, mi si direbbe un nobile dell’Est; invece, per molti sono solo un bandito, un vecchio caprone. Tutta Varsavia mi maledice e racconta le mie imprese, la roba accumulata con sfacciata e audace fortuna, le tante stranezze, l’astuzia canagliesca e invincibile. Ma la rovina avanza sull’Europa con lo stesso respiro pesante che mi sale la notte nei corridoi della mia casa, insieme alla coscienza che per me non ci saranno eredi né successori. Solo la lunga vigilia di un attacco, di uno scempio, di una diaspora. Perché io, Meshulam Moskat, sono l’ultimo di una stirpe tenace di patriarchi solitari e infelici, ammusoniti dalla dissipazione che ci seguirà e dalla crudeltà del tempo.

ISAAC B. SINGER - LA FAMIGLIA MOSKAT

(La mia è una vecchia edizione TEA)

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook