Sergio Ragone
Pop corn
27 Novembre Nov 2019 1040 27 novembre 2019

Le sfide del Servizio sanitario nazionale. Il convegno di Fondazione Roche e Formiche, con il viceministro Sileri

Formiche


“Dieci anni di tagli dei governi passati sono stati una cura dimagrante che rischia di uccidere il paziente”. Inizia così il suo intervento il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri al convegno “In Scienza e Coscienza: dal diritto alla salute al dovere della sostenibilità – Quali sfide per il Servizio Sanitario Nazionale?” organizzato da Fondazione Roche e Formiche con l’obiettivo di affrontare alcune delle sfide più importanti che il sistema sanitario si trova di fronte. “Basti pensare ai commissariamenti degli ultimi anni, che hanno rallentato le regioni che correvano e congelato quelle che già non funzionavano”, ha aggiunto. “È necessario che il ministero riprenda con forza e carattere il potere, non decisionale, ma almeno di indirizzo. La sfida del futuro è agire con programmazione prima che ogni necessità diventi urgenza. E per farlo serve maggiore collaborazione fra i ministeri”. Ma anche investimenti e finanziamenti sono stati al centro del dibattito: “In futuro la spesa aumenterà, però bisogna imparare a sprecare meno”, ha concluso Sileri.

Sono intervenuti sul palco, oltre al viceministro, il segretario generale di Cittadinanzattiva Antonio Gaudioso, il direttore di medicina interna del Fatebenefratelli e presidente eletto Fadoi Dario Manfellotto, il direttore del dipartimento di Oncologia presso la Fondazione IRCCS – Istituto nazionale dei tumori Filippo de Braud, il direttore del Corriere Salute Luigi Ripamonti, la presidente di Fondazione The Bridge Maria Rosaria Iardino, il Cancelliere della Pontificia Accademia per la Vita Renzo Pegoraro, fino al direttore di Oncologia medica dell’Ospedale Sant’Andrea Paolo Marchetti.

Programmazione, razionalizzazione delle risorse, fiducia nel sistema, federalismo sanitario, ma anche innovazione, invecchiamento della popolazione e ricerca fra i temi trattati dai discussant. “C’è più bisogno di ministero” ha convenuto con il viceministro Manfellotto. Della stessa opinione Gaudioso, secondo cui, però, serve al contempo “un approccio che metta al centro l’esigibilità dei diritti dei cittadini”. “Bisogna distinguere tra costi e investimenti. Il costo inteso come spreco è una cosa che dobbiamo combattere. Ma i costi come investimento sono una risorsa”, ha detto Ripamonti riprendendo le parole di Sileri. “Non possiamo pensare che i costi non aumentino, perché aumentano sempre. Diminuiscono invece i costi della diagnostica che, se applicata nel modo giusto, incide positivamente anche sulla spesa sanitaria, oltre che sul benessere dei pazienti”.

Diverse le opinioni emerse, ma su un punto sono tutti d’accordo: investire nelle opportunità che le tecnologie ci offrono, dall’IA ai big data. “Il fattore umano deve restare preponderante – ha ricordato la Iardino, ma il processo innovativo non va frenato. Sicuramente governato, ma non frenato”. “I dati possono essere un aiuto prezioso per il medico, purché non sia condizionato da questi strumenti e la sua attività decisionale possa restare primaria”, ha confermato Pegoraro. “La tecnologia non deve rappresentare una barriera fra medico e paziente, ma questa ci consente di raggiungere obiettivi prima inarrivabili”, ha concluso Marchetti. Una serie di spunti, quelli emersi durante il dibattito, che oltre ad aver portato all’attenzione le opportunità del nostro sistema sanitario, rappresentano preziosi suggerimenti di cui la politica non può non tenere conto.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook