Daniele Grassucci
Dopo Skuola
13 Dicembre Dic 2019 1656 13 dicembre 2019

Le ‘Sardine’ piacciono agli studenti. Per certi versi anche più di Greta

Sardine

Le ‘Sardine’ sono il nuovo chiacchieratissimo movimento nato a Bologna dalla mente di quattro trentenni, come risposta al clima d’odio che imperversa all’interno dello scenario politico italiano. In poche settimane sono riusciti a convincere migliaia di persone a scendere in piazza al loro fianco. Ma saranno stati, finora, in grado di convincere anche i ragazzi delle generazioni successive alla loro? Skuola.net l’ha chiesto, tramite una web survey, a oltre 9mila studenti tra i 14 e i 25 anni. Il risultato? Le ‘Sardine’ piacciono ai giovani. Tuttavia, quando si tratta di mobilitarsi, si sentono molto più legati ad altre cause; su tutte quella in difesa dell’ambiente.

I social network amplificano il messaggio

Inoltre, specie tra i più piccoli, la sigla ‘6000 Sardine’ - nome ufficiale del movimento - dice ancora poco. Meno della metà dei ragazzi, infatti, sostiene di conoscerne il significato: sono il 46%. Ma nella fascia d’età 14-18 si scende al 43%. Come le hanno scoperte? Uno studente su tre (33%) lo ha fatto tramite i social network, il 30% si è affidato ai media tradizionali come tv e radio, mentre il 16% ne è venuto a conoscenza grazie ai siti web (soprattutto d’informazione) che hanno parlato delle loro manifestazioni di massa.

La guerra all'hate speech fa breccia nei più giovani

Ma, nonostante non siano ancora tantissimi gli studenti che hanno sentito parlare del movimento, quelli che lo conoscono hanno già imparato ad amarlo. Le ‘Sardine’, infatti, raccolgono le simpatie del 65% dei ragazzi aggiornati sulla loro storia. Percentuale che sale di qualche punto se si isolano i voti degli studenti universitari (19-25 anni). Il loro punto di forza? Secondo il 47% del campione è il fatto di volersi contrapporre al linguaggio violento, il cosiddetto hate speech, che ormai domina il dibattito politico, specie online. Un altro aspetto che apprezzano i ragazzi è la facilità con cui sono riusciti a mobilitare tanti giovani: la pensa così più di 1 su 5.

Tantissimi apprezzano, ma non partecipano

Tuttavia, come detto, non sono in tanti gli studenti disposti a scendere in piazza accanto a loro: meno di 2 studenti su 5 si sentono pronti a sostenere la protesta anche dal punto di vista pratico. Anche se, va sottolineato, la GenZ già di base non è che sia caratterizzata da una così forte tendenza alla partecipazione. Nell’ultimo periodo, ad esempio, solo il 47% dei ragazzi intervistati ha partecipato a mobilitazioni giovanili dal carattere spiccatamente politico, per rivendicare diritti su tematiche legate alla scuola e all’università (con gli universitari leggermente più attivi). La cosa cambia, com’è sotto gli occhi di tutti, per la questione climatica: in questo caso si sono mostrati tutti compatti e si è unito ad almeno un corteo il 95% di loro.

I leader delle Sardine più amati addirittura di Greta

Per questo è stata una vera sorpresa scoprire che, quando si chiede ai ragazzi di dire la loro sul “fattore simpatia” circoscritto ai leader dei due movimenti, i portavoce delle ‘Sardine’ prevalgano su Greta Thunberg. Se, infatti, quasi la metà (46%) afferma di metterli sullo stesso piano, il 33% degli studenti, dovendo schierarsi, preferisce i volti delle ‘Sardine’. Solo il 21% parteggia per il carisma di Greta.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook