Renato Cappon
Altrospazio
19 Dicembre Dic 2019 0735 19 dicembre 2019

Un dito ci semplifica la vita

190719230 Bb27bd84 71Bb 42E0 955A 2130907Ab482

La ragazza col dito medio , il Salvini dormiente e le polemiche che ne sono seguite, mi spingono ad alcune riflessioni tra il serio e il faceto(neanche tanto).

La prima cosa che mi viene in mente è che siamo nell'era della semplificazione, dito medio, pollice alto , pollice verso mani giunte, cuoricini........ci semplificano la vita. Addio giri di parole, noiosissime costruzioni di concetti, metafore ed equilibrismi lessicali sono definitivamente mandati in cantina da nuovi ed efficaci ideogrammi che esprimono amore, consenso, dissenso, gratitudine. Simboli riproducibili comodamente da chat per la nostra corrispondenza quotidiana, ma anche replicabili fisicamente, quando serve, per la comunicazione di prossimità; come non ricordare il "vi amo" espresso dalle popstar a mani unite , pollice con pollice ed indice con indice, a formare un cuore perfettamente riconoscibile come simbolo di amore e gratitudine, non serve scrivere e non serve parlare, basta un dito o due, nei casi più complessi anche tre o quattro.

Questa forma di comunicazione primordiale è entrata prepotentemente anche in politica, addio ai discorsi preventivamente vergati da zelanti ghostwriter, adesso bastano le bestie : lecca la Nutella, mangia la Nutella, percula la Nutella, tira fuori il crocifisso, ma qui siamo già su un terreno più difficile perché oltre alle dita servono bocca e lingua da usare in perfetto sincronismo senza sbagliare, un errore sarebbe imperdonabile: sfottere il crocifisso al posto della Nutella ti costerebbe qualche punto in meno nei sondaggi e, probabilmente, qualche cardinale rintronato rinnegherebbe per sempre di averti sdoganato.

Ma cosa resterà ai posteri di questi passaggi culturali? Poco o niente. Qualche foto dimenticata nella memoria di un telefono in fondo ad una discarica abusiva permetterà di cogliere chiari segnali di una civiltà che andava ad estinguersi perché non riusciva più ad esprimere una visione di sé che andasse oltre ad un dito medio bene in vista , se ci pensate bene non c'è gesto , od emoticon che descriva un concetto così complesso come il Futuro.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook