Stefano Rolando

Buona e mala politica

Stefano Rolando (Milano 1948) si divide da quarant'anni tra Milano e Roma e, professionalmente, tra molte esperienze manageriali (nelle istituzioni e nelle imprese) e l'attività universitaria (docente dagli anni '80; di ruolo allo Iulm a Milano dal 2001). Si divide anche tra il lavoro professionale e l'impegno civile. Non si divide per nulla in materia di etica pubblica; di appartenenza alla cultura riformista; di (moderata) tifoseria milanista; di priorità, nel rispetto delle nostre storie, per i costituenti italiani e per i costruttori dell'Europa. Di recente: Post-azionismo (prefazione E. Bonino, Editoriale Scientifica 2019); Il dilemma del re dell’Epiro (con S. Sepe, Editoriale Scientifica, 2018); Atlante Brand Milano (prefazioni di G. Sala e G.L.Vago, Mimesis, 2017); Magistrati e cittadini – Identità, ruolo e immagine sociale dei magistrati italiani – Rapporto per Scuola Superiore Magistratura, con N. Delai (prefazioni di V. Onida, G. Silvestri e G. Legnini, Franco Angeli, 2016); Citytelling (Egea, 2015); Civismo politico (Rubbettino, 2015); Comunicazione, potere e cittadini (Egea, 2014); Etica e comunicazione (con scritti di Carlo M. Martini, Lupetti, 2013); La buonapolitica (prefazioni F. Barca, G. Pisapia, Rubbettino 2012).

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook