Storie dell’altro mondo

Il blog vuole leggere e commentare avvenimenti e temi di attualità nazionali e internazionali che abbiano conseguenze importanti sulla vita e sul futuro di tutti noi, esprimendo un punto di vista diverso, stimolante e poco considerato dai media, frutto del nostro lavoro sul campo a fianco dei più poveri e vulnerabili, di cui il blog riporterà la voce e lo sguardo. Tra i nostri obiettivi infatti vi è quello di dare voce alle rivendicazioni degli ultimi e della società civile, di partecipare al dibattito nazionale e internazionale sullo sviluppo e di contribuire in modo significativo a modificare i contesti sociali, politici e culturali in cui operiamo.Siamo consapevoli che le relazioni tra Nord e del Sud del mondo sono ormai sempre più orizzontali e interconnesse, e che vi è una crescente sovrapposizione fra dimensione nazionale e internazionali dei problemi, le cui soluzioni necessitano quindi di un approccio globale. La povertà infatti può essere localizzata, ma le sue conseguenze non hanno confini. Vogliamo esprimere questo punto di vista, con l’obiettivo di favorire da parte del lettore la comprensione e la percezione dei problemi di coloro che ogni giorno lottano quotidianamente per condurre una vita dignitosa e rispettosa dei propri diritti, ovunque.Affronteremo quindi tra gli altri il tema dei diritti negati, in primis il diritto al cibo e alla sicurezza alimentare, ma anche all’istruzione, all’acque e a condurre uno stile di vita dignitoso; il perseguimento della giustizia sociale, che si integri con la protezione dell’ambiente e dei bisogni delle generazioni future; il cambiamento climatico, e le sue conseguenze sulla vita di milioni di persone nel mondo.Il blog avrà carattere istituzionale e riporterà la voce di Oxfam Italia; avrà una coordinatrice unica nella persona di Anna Pasquale, che si occuperà di garantire uniformità nei contenuti e di pianificare le uscite, ma si avvarrà dei contributi di personalità diverse appartenenti al mondo Oxfam quali collaboratori, esperti, personale presente sul campo, ricercatori e partner.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook