Quando il cielo fu pieno di bombe atomiche

Quando il cielo fu pieno di bombe atomiche

Ci fu una volta in cui il cielo venne coperto di bombe nucleari, e la gente stava a guardare lo spettacolo, bevendo tranquilla cocktail e succhi.

Era il 1962, nel pieno della Guerra Fredda, quando gli Stati Uniti, per tentare esperimenti, per dare una dimostrazione di forza e per capire che effetti potevano avere gli ordigni nucleari sul campo magnetico terrestre, decisero di mandare nello spazio alcune bombe (era l’operazione Fishbowl) e farle esplodere. Per capirsi, erano molto più grandi di quelle usate a Hiroshima e a Nagasaki.

La sicurezza, però, non era a rischio: le esplosioni avvennero a circa 400 chilometri di distanza dalla superficie terrestre. Il luogo prescelto era l’isola di Johnston, nel Pacifico.

Fu uno spettacolo, per gli abitanti delle isolette vicine, che osservarono il cielo e la luce sprigionata – bevendosi simpatici drink. Guardare per credere:

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta